Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Arteriopatie coronariche: grande svolta nelle cure

di
Pubblicato il: 02-05-2007
Sanihelp.it - Abbott ha annunciato i risultati positivi ottenuti da ABSORB, il primo studio clinico che valuta la sicurezza e le prestazioni di una piattaforma di stent a rilascio di farmaco completamente bioassorbibile dedicata al trattamento di malattie delle arterie coronariche. I risultati a sei mesi ottenuti su 30 pazienti, presentati nel corso della 56a Sessione Scientifica Annuale di Cardiologia dell’American College of Cardiology, non hanno evidenziato alcuna trombosi dello stent e hanno mostrato una bassa percentuale gerarchica (3,3%) di eventi avversi cardiaci gravi (MACE) conseguenti a ischemia, quali infarto miocardio o ripetizione di un intervento.

«Uno stent a rilascio di farmaco in grado di scomparire dopo aver ripristinato il flusso sanguigno rappresenta un’idea esaltante», ha dichiarato Patrick W. Serruys, M.D., Ph.D., professore di cardiologia chirurgica presso il Thoraxcentre, Erasmus University Hospital, Rotterdam, e co-ricercatore dello studio.

L’unico evento MACE riferito ha riguardato un infarto non Q del miocardio. Il paziente ha subìto una ripetizione dell’intervento nel sito già trattato e il risultato è stata una percentuale di rivascolarizzazione della lesione target complessiva pari al 3,3 %. I risultati dello studio hanno confermato che l’effetto del trattamento dell’everolimus sullo stent bioassorbibile è simile a quello osservato negli studi Abbott sugli stent metallici a rilascio di farmaco in cui l'everolimus inibisce attivamente la crescita del tessuto nell'arteria. La percentuale di successo del dispositivo (posizionamento riuscito dello stent bioassorbibile nel sito della lesione) è stata pari al 93,5%.

Lo stent biassorbibile a rilascio di everolimus è composto da acido polilattico, un materiale biocompatibile, ed è progettato per ripristinare il flusso sanguigno mantenendo aperto il vaso e fornendo supporto fino a che quest’ultimo non guarisce. A differenza dello stent metallico, quello bioassorbibile è progettato per essere lentamente metabolizzato dall'organismo e completamente assorbito nel tempo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Abbott

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti