Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale Cibi Esotici

Lo zafferano a tavola

di
Pubblicato il: 30-05-2007

Con quali alimenti si abbina? Che utilizzi ha? Ci sono controindicazioni? Ecco tutte le risposte e qualche avvertenza.

Sanihelp.it - L'utilizzo più diffuso dello zafferano è certamente quello alimentare. Che sia in polvere oppure in stimmi, la preziosa polvere rossa può essere aggiunta a un'infinità di piatti, non solo per aggiungere colore e sapore, ma anche per esaltarne le proprietà nutritive con un ricco corredo di antiossidanti.
Ecco come trasformare le ricette più semplici in piatti raffinati e intriganti:
  • Riso. Abbinato con lo zafferano per antonomasia, nel risotto va aggiunto a fine cottura, mentre nel pilaf va aggiunto all'acqua per essere assorbito.
  • Pasta. Ottimo per arricchire ragù e sughi con panna, pancetta e salsiccia, perfetto anche per le ricette in bianco di pesce e frutti di mare. Può anche essere unito all'impasto di pasta fresca.
  • Patate. Lo zafferano può essere aggiunto all'impasto di gnocchi e purea, oppure alle patate lesse saltate in padella con olio e rosmarino
  • Salse. Aggiungere zafferano alle salse a base di panna, burro, besciamella e formaggi regala un tocco di sapore unico ai piatti
  • Pesci e crostacei. Lo zafferano ne esalta il gusto aggiunto agli intingolo o alla pastella delle fritture
  • Pollame e carni bianche. Perfetto per cotture in umido senza pomodoro
  • Verdure. Da abbinare con zucchine, piselli, carciofi, zucca, cipolla e in generale a tutti gli ortaggi dal gusto tenue.
  • Dolci. Lo zafferano può essere aggiunto a panna cotta, budini, zabaione, creme caramel e gelati alla vaniglia, per un tocco originale e corroborante
Nelle quantità usate per cucinare, lo zafferano è totalmente innocuo. La Commissione Europea avverte però che una dose di 10 g di zafferano (una bustina ne contiene 0,15 grammi), può causare l'aborto e sintomi di vomito, diarrea, epistassi, ulcere alla pelle, al naso, alle labbra e alle palpebre.
I rimedi a base di zafferano non sono da somministrare ai bambini al di sotto dei 2 anni, e vanno assunti con attenzione al di sopra dei 65.
In caso di gravidanza e allattamento, lo zafferano va utilizzato esclusivamente per scopi gastronomici, e non terapeutici.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
G. Pietra, Zafferano, collana I Sapori della Salute, Olidea, Edizioni Urra

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti