Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dieta e alimentazione

I papà influenzano il peso delle figlie

di
Pubblicato il: 25-07-2007
Sanihelp.it - I padri sovrappeso rappresentano il principale fattore di rischio per lo sviluppo di disturbi alimentari nelle figlie. A sostenerlo è uno studio pubblicato sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, che ha seguito 134 bambini (68 femmine e 66 maschi) dalla nascita fino agli 11 anni, per ricercare nell’infanzia i fattori di rischio che portano, nel corso dell’adolescenza, allo sviluppo di bulimia nervosa e di binge eating disorder (episodi compulsivi caratterizzati da rapide assunzioni di grande quantità di cibo). 
Secondo i ricercatori, non sarebbe l’eccesso di peso in sé a indurre comportamenti poco salutari nelle ragazze, quanto piuttosto il fatto che l’insoddisfazione del genitore nei confronti del proprio aspetto fisico, e l’aspirazione di un corpo più magro, indurrebbero il padre ad esprimere, direttamente e indirettamente, disapprovazione nei confronti del peso delle figlie. 
Tali condizionamenti, spesso presenti fin dall’infanzia, favorirebbero, nell’adolescenza, lo sviluppo di disordini alimentari e di comportamenti poco salutari per il controllo del peso. 
Le valutazioni sono state tratte mediante misurazioni e questionari periodici finalizzati alla raccolta di informazioni relative a peso e altezza dei bambini e dei loro genitori, alle abitudini alimentari dei piccoli e al tempo dedicato ad attività fisica e passatempi sedentari. Inoltre, i genitori hanno incontrato degli specialisti per definire il loro atteggiamento nei confronti dei figli (autoritario o permissivo, critico o incoraggiante) e per ottenere da loro dei commenti relativi alle abitudini alimentari e il peso corporeo dei bambini.
Gli altri fattori di rischio che sono stati identificati come possibili promotore di disordini alimentari nell’adolescenza sono la presenza di sovrappeso (>85esimo percentile) all’età di 5 anni e un basso livello di attività fisica nell’infanzia.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
NFI

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti