Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Protesi high tech controlla la spasticità infantile

di
Pubblicato il: 01-08-2007
Sanihelp.it - È stato pubblicato sul numero di luglio di NeuroSurgery uno studio italiano con la più grande casistica a livello mondiale di pazienti pediatrici affetti da spasticità in cura con l’infusione programmata di farmaco per mezzo di protesi elettroniche impiantabili.

I risultati ottenuti con ben 200 pazienti di età compresa tra i 2 e i 19 anni, seguiti all’Ospedale dei Bambini Vittore Buzzi di Milano dal 1998 al 2004, hanno dimostrato l’efficacia e la sicurezza del trattamento che associa un farmaco, il bacoflene, con una protesi computerizzata e impiantabile in grado di rilasciare trattamenti più efficaci e mirati. In particolare la terapia a infusione programmata riesce ad abbassare di un grado, da 3,36 a 2,26, la severità dei sintomi della spasticità misurata secondo la scala di Asworth, che associa alla rigidità del tono muscolare un grado da 1 a 5. Inoltre la terapia si è dimostrata sicura con una 1 sola complicanza ogni 11 anni di trattamento. 

Attualmente l’80% dei bambini affetti da paralisi cerebrale sviluppa spasticità, che causa dolori e incide negativamente sulla qualità della vita. Le ultime stime indicano che 2 nati su 1000 manifestano una spasticità congenita come conseguenza di una paralisi . 

L’obiettivo della terapia ITB (Terapia con Bacoflene Intratecale) è di ridurre il dolore, le contratture e gli spasmi muscolari, ma soprattutto di migliorare l’autonomia negli spostamenti e la qualità di vita del paziente. Inoltre è in grado di portare il farmaco nella zona target, il liquido cerebro-spinale, riducendo gli effetti collaterali ed aumentandone i benefici, diminuendo la dose fino a 100 volte rispetto all’assunzione orale. 

Attenzione però, non tutti i pazienti sono idonei per questo tipo di intervento.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Ospedale Buzzi e Medtronic Italia

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti