Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cardiopatie, decifrato nuovo processo diagnostico

di
Pubblicato il: 20-09-2007
Sanihelp.it - Un nuovo passo avanti sul fronte delle cardiopatie. Martin Bennet, professore di scienze cadiovascolati presso la British Heart Foundation, ha identificato le conseguenze dirette che derivano dall’apoptosi (morte cellulare programmata) delle cellule muscolari lisce vascolari. 
L’apoptosi di queste cellule caratterizza l’aterosclerosi e rappresenta un segnale di degenerazione vascolare poichè, spesso, prelude all’infarto del miocardio. 
Oltre a ciò, lo scienziato ha messo in luce le similitudini tissutali esistenti fra il microambiente apoptotico delle malattie
cardiovascolari e quello presente nei tessuti di alcune malattie degenerative. 
La sequenza di reazioni che ha inizio con l’apoptosi è stata descritta ieri al quarto Meeting annuale dello European Vascular Genomics Network, in corso a Bristol in parallelo con il quarto European Meeting on Vascular Biology and Medicine (EMVBM). 
«Abbiamo deciso – ha spiegato Bennett – di chiarire quale fosse il ruolo di innesco che la morte delle VSMC gioca su una serie di manifestazioni tipiche della progressione dell’aterosclerosi. Utilizzando un modello animale che riproduce la condizione umana, abbiamo indotto apoptosi delle VSMC esclusivamente all’interno della parete vascolare. La prima cosa che abbiamo osservato è stata un chiaro accrescimento delle placche aterosclerotiche, che sono quasi raddoppiate in termini di dimensioni. Si tratta di un fattore prognostico negativo, poichè più le placche crescono e più diventano fragili».
In un futuro non lontano, questi dati potranno fornire una miglior comprensione di altre malattie umane incurabili.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti