Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Giornata mondiale per il cuore 2007

Meno sigarette e meno divano: il cuore ringrazia

di
Pubblicato il: 26-09-2007

Gli stili di vita sono i fattori più importanti su cui intervenire per far diminuire i decessi dovuti alle malattie cardio-vascolari. La famiglia deve fare di più.

Sanihelp.it - «Da oggi per il cuore della tua famiglia cambia programma: meno divano e più vita». Recita così lo slogan della Giornata mondiale per il cuore 2007 in programma domenica prossima, 30 settembre.

Le campagna, che si svolgerà contemporaneamente in oltre 100 nazioni, vuole ribadire una volta per tutte l’importanza della famiglia e della società nella difesa della salute. In particolare il compito della famiglia è decisivo in una sfida che coinvolge comportamenti e scelte di vita.

Il punto è semplice: riducendo i fattori di rischio, adottando un corretto stile di vita, cioè non fumando, svolgendo una regolare attività fisica e scegliendo una sana ed equilibrata alimentazione, si può ridurre fino del 44% la mortalità dovuta alle malattie cardiovascolari. A dimostrarlo ci sono studi scientifici condotti in tanti paesi.

Le persone in cura per le malattie cardio-cerebro-vascolari sono più di 800.000 soltanto in Italia.
Ogni anno nascono 4.000 bambini cardiopatici. Il 42% delle morti registrate in Italia sono dovute a queste malattie e quasi il 24% della spesa farmaceutica a carico del Servizio Sanitario Nazionale è assorbita dal trattamento delle persone che soffrono di  malattie cardiovascolari.

È chiaro che l’attore principale nella scelta degli stili di vita è il singolo ma anche che la società, con la famiglia in prima linea, può dare il suo contributo.

Chiarisce le ragioni di questo concetto il professor Rodolfo Paoletti professore della Facoltà di Farmacia dell'Università di Milano e Presidente della Fondazione italiana per il cuore (FIPC): «La prevenzione non è qualcosa che cala dall’alto, non dev’essere vissuta come un’imposizione. Piuttosto, è un diritto e un dovere di ciascuno di noi, che nella prevenzione dobbiamo esercitare la nostra responsabilità personale. E dalla responsabilità personale alla responsabilità famigliare il passo è breve e obbligato.

Nella famiglia, il bambino viene educato a mangiare e a muoversi e nella famiglia gli adulti, in particolare le mamme hanno la grande responsabilità di guidare, educare e prendersi cura dei congiunti, giovani, adulti e anziani». E, proprio nella famiglia, l’esempio ha un peso importantissimo.

Stili di vita ma non solo, occorre anche la prevenzione attraverso visite mediche specifiche. Ecco perché oltre alle sensibilizzazioni, agli opuscoli e ai gazebo informativi durante la giornata per il cuore sarà possibile effettuare una visita in uno delle 260 cardiologie aperte per l’occasione.
Per conoscere più nelle specifico l’iniziativa clicca qui


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti