Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rischio cardiovascolare: pazienti non seguono i medici

di
Pubblicato il: 05-10-2007
Sanihelp.it - Ogni minuto, in Europa, nove persone muoiono a seguito di patologie cardiovascolari, che rappresentano la prima causa di morte nel mondo. Un importante e riconosciuto fattore di rischio cardiovascolare è la ipercolesterolemia, ovvero gli elevati livelli nel sangue di colesterolo, in particolare di colesterolo-LDL.

Per prevenire le malattie cardiovascolari, quindi, il mantenimento dei livelli ottimali è essenziale e, nei casi in cui la dieta e l’esercizio fisico non sono sufficienti, bisogna ricorrere ad una terapia farmacologica efficace, in particolare all’utilizzo di statine, tra le quali rosuvastatina offre risultati eccellenti.

Più del 60% degli Italiani ha livelli troppo elevati di colesterolo-LDL un dato importante se si considera che diversi studi clinici hanno ripetutamente dimostrato la correlazione tra incidenza di eventi cardiovascolari ed elevati livelli di colesterolo-LDL.

Nonostante la presenza di linee guida inequivocabili e la disponibilità di farmaci ipolipemizzanti efficaci e ben tollerati, l’ipercolesterolemia non è ancora trattata in modo efficace in una vasta percentuale di pazienti.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
World Health Report

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti