Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Influenza: al via campagna vaccinale in Italia

di
Pubblicato il: 13-11-2007
Sanihelp.it - Approda anche quest’anno in Europa il virus dell’influenza
In realtà, come sottolineato in occasione della V Conferenza Internazionale sulla Sorveglianza dei Fattori di Rischio Comportamentali tenutasi a fine ottobre all’Istituto Superiore di Sanità, l’influenza vera e propria (e non le sindromi parainfluenzali) è già sbarcata in Europa, mentre in Italia la si aspetta per fine novembre, dove perdurerà sino a tutto marzo, dopo aver raggiunto il suo apice nella terza settimana di gennaio.

A conferma di ciò, il primo rapporto settimanale InfluNet della stagione 2007-2008 ha indicato - sulla base delle segnalazioni di 394 medici sentinella tra il 15 e il 22 ottobre (42ma settimana del 2007) - che il valore dell’incidenza delle sindromi correlabili all’influenza è ancora basso, pari cioè a 0,26 casi per 1.000 assistiti.

Altrettanto puntualmente è partita in Italia la campagna vaccinale, con la distribuzione del nuovo vaccino nelle aziende sanitarie e nelle farmacie nelle ultime settimane. 
E dato che l’influenza costa moltissimo al Paese in termini di giornate di lavoro perse nonché di cure mediche e ricoveri, sarebbe opportuno che, oltre alle categorie a rischio come gli anziani e gli adulti e i bambini affetti da malattie croniche, si sottoponessero alla vaccinazione anche gli operatori dei servizi pubblici e assistenziali, quali insegnanti, medici, conducenti di mezzi di trasporto e poliziotti. A fare le spese della malattia sono infatti ogni anno in Italia ben 5 milioni di persone, di cui circa 8.000 muoiono a causa delle complicanze.

Il periodo migliore per vaccinarsi resta quello tra metà ottobre e Natale. La vaccinazione è offerta gratuitamente agli ultrasessantacinquenni e ai bambini affetti da patologie croniche, le fasce di popolazione maggiormente esposte al rischio delle complicanze più gravi dell’influenza, quali otiti, bronchiti, polmoniti e scompensi cardiaci: grazie alla vaccinazione i tassi di ospedalizzazione e di mortalità per queste categorie subiscono un calo consistente (nell’anziano la diminuzione dei decessi arriva all’80% e dei ricoveri al 60%).


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Novartis

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti