Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Guarire dal diabete con l'intervento che riduce l'obesità

di
Pubblicato il: 19-11-2007
Sanihelp.it - Rivoluzionario passo avanti nella cura del diabete di tipo 2: grazie alla chirurgia milioni di persone potranno porre fine alla dipendenza dall’insulina e ritornare in breve a livelli normali di glicemia.

È quanto emerge dal primo studio pilota al mondo, realizzato presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino di Genova. Con l’operazione, chiamata Diversione Bilio-Pancreatica, viene limitato l’assorbimento quotidiano dei grassi, in modo da ottenere la riduzione o la scomparsa degli stessi, che infiltrano le cellule, le quali tornano all’utilizzazione del glucosio come fonte energetica. Ciò porta al ripristino della normale sensibilità all’insulina.

Inoltre l’intervento, oltre a ridurre l’azione tossica dei grassi sulla cellula beta (quella che produce l’insulina), provoca modificazioni nella produzione di alcuni ormoni gastrointestinali che hanno effetto benefico sulla funzione della betacellula, preziosa per il pancreas geneticamente compromesso dei diabetici.

L’intervento offre benefici maggiori rispetto alla soluzione farmacologica e risolve anche il problema della sindrome metabolica: i risultati infatti dimostrano che l’operazione riporta il colesterolo e i trigliceridi a valori normali rispettivamente nel 100% e nel 98% dei casi, e guarisce l’ipertensione nell’80% dei casi. Questi risultati sono stati controllati sino a oltre 20 anni dopo l’operazione.

L’intervento è adatto sia per i pazienti con semplice sovrappeso o obesità lieve, sia per quelli con obesità grave. Su 2,4 milioni di diabetici di tipo 2 (diabete dell’adulto) presenti nel nostro Paese, i 5/6 (circa 2 milioni di pazienti) sono in sovrappeso o obesità lieve; il restante sesto dei casi (circa 400.000 persone) si colloca nella fascia degli obesi gravi.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti