Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale Primo Soccorso pediatrico

Il cane morde, il gatto graffia? Fai così

di
Pubblicato il: 30-11-2007

Morsi e graffi di animali domestici si curano in modo semplice da casa. A meno che la lesione sia particolarmente profonda o l'animale sia sconosciuto. In questi casi...

Sanihelp.it - Morsi e graffi di cani e gatti sono episodi abbastanza comuni e per lo più innocui. Il morso del cane si presenta solitamente come una lesione da schiacciamento e, talvolta, una lacerazione, mentre il graffio o il morso del gatto è di solito una ferita da foratura dei tessuti, a causa dei denti acuminati e delle unghie aguzze della bestiola. Talvolta, ma solo raramente, si possono verificare anche danni alle strutture più profonde, come ossa, muscoli, tendini, vasi, nervi.

Come dovete procedere?

-Pulire con acqua e sapone e disinfettare, dopo aver fatto uscire abbondantemente il sangue.
-Le ferite da morso stentano a cicatrizzare e tendono a infettarsi, per cui vanno disinfettate più volte nei giorni successivi.
-È preferibile non usare medicazioni occlusive.
-Se la ferita è profonda e lacerata consultate il pediatra o recatevi al Pronto Soccorso, a seconda della gravità e del tipo di intervento necessario.
-Nel caso sia presente un’infiammazione che non tende a risolversi o un’infezione (tumefazione, arrossamento, pus), è opportuno consultare il pediatra per un’eventuale terapia antibiotica.

Che altro dovete sapere?

-Non serve la vaccinazione antitetanica se vostro figlio è stato vaccinato nei 10 anni precedenti, però se la scadenza dei 10 anni è vicina è meglio anticipare il richiamo.
-Se il cane è vostro, se è pulito, vaccinato e in salute, non dovete prendere ulteriori provvedimenti. Se invece è randagio o di dubbia provenienza, contattate il vostro pediatra e il servizio veterinario dell’ASL.
-In caso di graffio di gatto, potrebbe comparire nei giorni successivi un rigonfiamento dei linfonodi satelliti, cioè quei linfonodi che drenano la linfa dell’area interessata dal graffio. Talvolta i linfonodi si arrossano o sono dolenti e compare febbre elevata: può trattarsi della malattia da graffio di gatto. Non è nulla di grave, ma va diagnosticata e curata con antibiotici o cortisonici, per cui, nel dubbio, contattate il vostro pediatra per una visita.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti