Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Le teen-agers rischiano la depressione più dei maschi?

di
Pubblicato il: 18-11-2002

L'adolescenza è un periodo molto difficile per i vari cambiamenti fisici, di carattere e di umore. Secondo nuovi studi, le ragazze potrebbero trovare più difficoltà dei ragazzi.

Sanihelp.it - Secondo l’autrice dello studio, Dr. Jean M. Twenge della San Diego State University in California, per le ragazze l’adolescenza è più ricca di ambivalenze e più combattuta e sono quindi più rischio di depressione in questo periodo.

Questi risultati sono stati ottenuti dalla revisione di centinaia di studi condotti su un totale di 61.424 bambini ed adolescenti tra gli 8 e i 16 anni di età. Tutti gli studi sono stati condotti tra il 1980 e il 1998.

La Twenge e la sua coautrice, Dr. Susan Nolen-Hoeksema, hanno rilevato gobalmente che le ragazze accusano pochi sintomi depressivi negli anni pre-adolescenziali, e vanno successivamente incontro ad un aumento dei sintomi avvicinandosi all’adolescenza, ovvero intorno ai 12 anni. I loro risultati sono stati pubblicati nel numero di Novembre della rivista Journal of Abnormal Psychology.
Secondo i risultati dello studio, le ragazze raggiungono l’apice dei sintomi depressivi a 15 anni, e continuavano a manifestare sintomi anche fino ad un anno dopo.
Al confronto, i ragazzi manifestano sintomi depressivi durante l’infanzia, e migliorano durante l’adolescenza.

Una possibile ragione per l’aumento dei sintomi depressivi nelle ragazze potrebbe essere i cambiamenti che i loro corpi stanno subendo, recepiti in modo ambivalente dai loro genitori, dai loro amici e dalla loro cultura. La realtà sociale ed il ruolo delle ragazze cambia di pari passo dal momento in cui l’attenzione da parte dei ragazzi diventa più pressante. Altro fattore di cui tener conto è sicuramente quello delle modifiche ormonali, che potrebbero influire sull’umore.

Lo status socioeconomico non sembra influenzare i sintomi depressivi delle bambine, e non si è riscontrata differenza tra le razze.
Infine, contrariamente a quanto riportato in altri studi, Twenge e colleghi hanno dimostrato che i sintomi depressivi non sono aumentati nelle generazioni più recenti rispetto alle generazioni passate. I sintomi della depressione sono infatti diminuiti, tra i ragazzi, dal 1980 al 1998, mentre si sono mantenuti costanti nelle ragazze.
La depressione nell’infanzia non sembra quindi aumentata dagli anni ’80.»



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Journal of Abnormal Psychology 2002

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti