Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Medici: nuove disposizioni per il lavaggio delle mani

di
Pubblicato il: 18-01-2008
Sanihelp.it - Parte da Forlì la Sfida globale per la sicurezza del paziente lanciata dall’Organizzazione mondiale per la sanità (Oms). L’ospedale Nefetti di Santa Sofia è infatti una delle strutture pilota in Emilia-Romagna per la sperimentazione delle linee guida sull’igiene delle mani definite dall’organismo di Ginevra. Quest’ultimo ha individuato proprio in questa tematica la pietra miliare per ridurre le infezioni correlate all’assistenza, varando la campagna Le cure pulite sono cure più sicure, cui hanno aderito paesi di tutto il mondo. In regione, sono diverse le Ausl a partecipare al progetto, tuttavia, solo a Forlì si è scelto di estendere la messa a punto del protocollo non a un singolo reparto, ma a un intero stabilimento ospedaliero.

L’Oms ha stilato una serie di indicazioni. In primis, sono stati pensati interventi di carattere organizzativo, volti a favorire il lavaggio delle mani con gel idro-alcolici - che garantiscono una pulizia efficace in un tempo ridotto - un accesso frequente ad acqua pulita, sapone, e salviette monouso, e un uso corretto dei guanti. 
Per quanto riguarda i momenti cui ricorrere alla pulitura delle mani, l’Oms ne elenca cinque: prima e dopo il contatto col paziente, prima di una manovra asettica, dopo l’esposizione a un liquido biologico, dopo il contatto con ciò che sta accanto al paziente. 

In secondo luogo, si è puntato a formare gli operatori, rendendoli maggiormente consapevoli dell’importanza di queste problematiche e istruendoli a seguire le buone prassi delineate. Infine, una componente essenziale viene ravvisata nell’instaurazione di un clima propizio alla sicurezza del paziente e alla qualità delle cure.

La stesura di tali linee guida deriva dall’evidenza che il minimo comune denominatore dei diversi siti più frequenti di infezione e dei fattori di rischio correlati è rappresentato dalla mancata igiene delle mani, principali imputate della trasmissione dei patogeni nosocominali. Per ridurre le infezioni associate all’assistenza sanitaria, l’igiene delle mani è dunque la misura più efficace. 
Basti pensare che in Svizzera, un progetto di miglioramento in questo senso, ha permesso di prevenire, nel 2006, 17mila infezioni, con un risparmio di 60 milioni di franchi svizzeri.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AUSL Forlì

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti