Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cambiare sesso per le donne è ora più facile:basta una sola operazione

di
Pubblicato il: 07-01-2003

Chirurghi italiani hanno sviluppato una tecnica che consente di trasformare una donna in un uomo con una sola operazione.

Sanihelp.it - Nel numero recente di «BJU International», il dottor C. Trombetta e colleghi, dell’Università di Trieste, descrivono una nuova tecnica sperimentata su tre pazienti. Dopo aver rimosso mammelle, ovaie ed utero, viene prelevato tessuto dall’addome e realizzato un pene. Tutti i passaggi necessari alla realizzazione del complicato processo di cambiamento del sesso sono stati realizzati con una sola operazione.

L’intervento ha richiesto l’apporto di due equipe chirurgiche; una si è occupata della rimozione delle mammelle, mentre l’altra ha rimosso gli organi sessuali femminili e «manipolato» la cute per ottenere il pene. La durata dell’intera procedura è stata di sei ore e le pazienti sono state dimesse dopo 12 giorni senza complicazioni importanti. Le pazienti si sono dimostrate apparentemente soddisfatte dei loro nuovi corpi, una cosa che non tutti i pazienti che si sottopongono a cambiamento del sesso possono dire.

Gli autori hanno anche descritto una nuova procedura per creare un pene utilizzando cute dell’addome invece di pelle proveniente da altre parti del corpo.
Denise Leclair, direttore esecutivo della fondazione internazionale per l’educazione al genere sessuale, ha commentato l’articolo dichiarando che ci sono molti motivi per cui persone che vogliono sottoporsi all’operazione per cambiare da donna a uomo, vogliano farlo in una sola operazione. Spesso, ha detto, alle donne non è concesso di sottoporsi all’operazione se non hanno vissuto vestendo e comportandosi come maschi per almeno un anno, durante il quale sono spesso vittime di pregiudizi e prevaricazioni.

Tuttavia, ha aggiunto Leclair, la chirurgia per il cambiamento di sesso è spesso molto costosa e non è coperta dall’assicurazione medica negli Stati Uniti. Rimuovere una mammella, ad esempio, può costare 600 dollari, mentre la procedura per realizzare un pene dalla cute della paziente può raggiungere cifre oltre i 100.000 dollari; e per alcuni pazienti , queste sono cifre troppo elevate.

Dean Kotula, l’autore del nuovo libro «Phallus Palace» (il palazzo del fallo), che descrive le procedure utilizzate per cambiare il corpo di una donna in quello di un uomo, ha detto di ritenere che la pelle proveniente dall’avambraccio possa essere la più indicata per realizzare il pene, rispetto a pelle proveniente dall’addome ed altre parti del corpo. Alcune parti dell’avambraccio risultano più sensibili al tatto rispetto alla pelle di altre aree, ha fatto notare, e la pelle dell’avambraccio ha anche una forte rassomiglianza con quella del pene.

Kotula ha aggiunto che in Europa le operazioni per il cambiamento di sesso sono molto più comuni che negli Stati Uniti; il risultato, ha detto, è che molti medici europei stanno diventando esperti in questa tecnica, mentre negli USA solo pochi sono al corrente di questa procedura.

Di conseguenza, realizzare un’operazione come quella descritta nell’articolo sarebbe possibile anche negli USA, ma mettere assieme un’equipe di chirurghi americani per compiere tutti i passaggi necessari in una volta sola sarebbe molto difficile.

Kotula ha aggiunto che l’intero processo di trasformazione donna-uomo può avere un costo psico-emotivo molto alto per quelli che si sottopongono all’operazione, e coloro che desiderano cambiare il proprio corpo, dal punto di vista emozionale, potrebbero voler suddividere le procedure in più passaggi. Le persone che scelgono di aspettare, potrebbero beneficiare di nuovo tecnologie ancora sconosciute, che potrebbero garantire loro un pene migliore nell’aspetto e nelle sensazioni, rispetto alle procedure in uso oggi.

Da: BJU International 2002


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
internet

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4.67 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti