Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale Automedicazione

Non riesci a dormire? Automedicati!

di
Pubblicato il: 14-03-2008

Si può curare insonnia e disurbi del sonno con farmaci da banco? Sì, a patto che l'automedicazione sia responsabile.

Sanihelp.it - Rigirarsi nel letto senza riuscire ad addormentarsi, oppure svegliarsi più volte durante la notte: spesso i disturbi del sonno, tipicamente femminili, sono causati dalle tensioni dell’essere contemporaneamente donna, mamma e lavoratrice, ma se non vengono curati possono diventare una vera e propria patologia. Anche per i maschietti.

Per la cura dell’insonnia possono essere utilizzati farmaci di automedicazione a blando effetto sedativo, quali medicinali a base di valeriana, la melatoina, ma anche la prometazina e la difenidramina. Questi farmaci, che si possono trovare in forma di compresse, sciroppi o tisane, devono essere assunti prima di andare a letto.
L’uso di farmaci ipnotici, vale a dire i sonniferi acquistabili con la ricetta, deve avvenire esclusivamente su prescrizione del medico; mai utilizzare quindi farmaci prescritti ad altre persone o disponibili perché acquistati in precedenza con ricetta medica. 

Un consiglio: la prima regola per ripristinare un giusto equilibrio sonno-veglia è quella di rispettare rigidamente il riposo notturno evitando di dormire di giorno. Inoltre bisogna alimentarsi in modo leggero eliminando sostanze eccitanti (tè, caffè) ed evitare sostanze intossicanti come alcol e fumo. Alcune persone si credono insonni per il fatto di dormire poco, in realtà spesso si tratta di pseudoinsonni, ovvero persone che hanno bisogno di poche ore di sonno per rigenerarsi per le quali non è quindi possibile indicare una terapia.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
ANIFA

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti