Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale Automedicazione

Stress e affaticamento? Ecco i farmaci giusti

di
Pubblicato il: 16-03-2008

Quando il fisico non ce la fa più, i segnali sono chiari: insonnia, mal di testa, irritabilità. Per contrastare questi sintomi, si può ricorrere all'automedicazione.

Sanihelp.it - Irrequietezza e stanchezza psicofisica incidono spesso sulla qualità di vita delle persone: l’incapacità di concentrarsi su un lavoro o la mancanza di energie per compiere anche una semplice azione sono sintomi poco inquadrabili, che vengono spesso imputati a stati ansiogeni o depressivi. 
In realtà nella maggioranza dei casi si tratta di disturbi che non hanno una valenza patologica, ma sono causati da forti impegni intellettivi dovuti allo studio o alla professione. Questi problemi, non raramente, si accompagnano a disturbi psicosomatici come dispepsie, colon irritabile, pseudo-artrosi cervicali, cefalea e soprattutto nelle donne, mal di schiena. 

Escluso che la sindrome sia dovuta all’ansia o alla depressione mascherata, la terapia non può essere che sintomatica a seconda della prevalenza dei gruppi di sintomi. I farmaci di automedicazione sono la soluzione ideale:
-nel caso di irrequietezza associata a difficoltà ad addormentarsi si consiglia l’assunzione di sedativi leggeri a base di valeriana, passiflora, estratti di fiori di biancospino o di camomilla ed altre erbe
-per l’affaticamento psicofisico sono utili farmaci tonici a base di aminoacidi come la glutamina, l’arginina, l’aspargina, l’ematoporfirina, la carnitina e la cobamamide associati o meno a vitamine oppure preparati polivitaminici sotto forma di compresse
-se la svogliatezza e la scarsa capacità di attenzione è accompagnata da lievi problemi di memoria possono essere utili farmaci psicostimolanti a base di fosfolipidi e acido aspartico o ginseng. 

Un consiglio: prima di considerare una terapia per intervenire sul disturbo è importante analizzare quali possono essere le cause e provare a eliminare dalla quotidianità elementi che potenzialmente possono essere il movente della condizione di affaticamento (eccessivi sforzi intellettivi, posture scorrette, abitudini alimentari poco equilibrate).


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
ANIFA

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti