Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Tra salute, moda e seduzione

Reggiseno: le regole per sceglierlo

di
Pubblicato il: 01-04-2008

Il reggiseno ideale? Comodo, di cotone, adatto alla forma e alla grandezza del seno. E per le mamme, le sportive e le allergiche ecco qualche consiglio… su misura.

Sanihelp.it - C’è chi non può farne a meno, chi lo tiene anche di notte, chi se ne libera appena può. Chi sceglie sempre la comodità e chi invece si sbizzarrisce in modelli, colori, pizzi e merletti. Il rapporto tra donne e reggiseno è spesso di amore-odio.
Simbolo da sempre di sensualità e femminilità, il reggiseno svolge anche un’importante funzione di sostegno, anche se sotto un profilo strettamente medico non esiste motivo che obblighi sistematicamente al suo uso, tranne in alcune situazioni particolari. Ogni donna può quindi ritenersi libera di usarlo o meno, tenendo però presente alcune considerazioni generali.

1. Per adempiere adeguatamente alla sua funzione sostenitiva, il reggiseno non deve essere troppo largo, né comprimere né separare in modo innaturale le mammelle; in particolare, un reggiseno stretto ostacola la circolazione sanguigna e linfatica e può provocare spiacevoli infiammazioni.

2. Vanno preferiti i tessuti naturali, come il cotone o la seta, che sono solidi ed elastici e lasciano traspirare la pelle. Le donne predisposte alle allergie dovrebbero usare preferibilmente reggiseni di cotone bianco.

3. Durante la notte è preferibile lasciare il seno libero, per permettere una buona respirazione cutanea.

4. Un seno piuttosto piccolo può fare a meno del reggiseno, mentre un seno prosperoso deve essere sorretto per contrastare il rilassamento dei tessuti provocato dal peso. Per un seno abbondante andrebbe scelto un reggiseno con spalline larghe, coppe morbide e ampie fasce di sostegno.

5. Quando si pratica un’attività sportiva è fondamentale indossare un reggiseno che protegga dai contraccolpi causati dal movimento. Il reggiseno deve essere leggero, comodo, né stretto né largo, avere spalline larghe ed essere di fibre naturali, preferibilmente di cotone. In particolare, le donne che hanno un seno abbondante o soffrono di sindrome premestruale e tensione mammaria dovrebbero indossare un reggiseno che garantisca un buon sostegno, per evitare un’eccessiva mobilità del seno. Se si praticano sport di squadra che prevedono il contatto fisico, oppure durante le gare agonistiche, indossare un reggiseno adeguato è fondamentale per evitare traumi ai legamenti e ai tessuti di sostegno.

6. Quando il seno aumenta di volume, per esempio in gravidanza, durante l’allattamento o in concomitanza del ciclo mestruale, è bene che indossino il reggiseno anche quelle donne che abitualmente non lo usano. Il seno infatti va sostenuto con un reggiseno sempre adeguato al suo sviluppo e ai suoi mutamenti. Se l’ingrossamento è particolarmente importante, può essere utile tenerlo anche di notte.

7. Durante l’allattamento è bene usare gli appositi reggiseni che permettono di scoprire una mammella alla volta. Ciò evita raffreddamenti e quindi possibili ingorghi alla mammella che al momento non allatta. Sono da evitare reggiseni di tessuto rigido, in quanto potrebbero bloccare i dotti galattofori e quindi il flusso di latte.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
A. Zocco, Seno bello e sano, Red Edizioni

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti