Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Uomini e sesso in gravidanza

Ti amo ma non ti voglio

di
Pubblicato il: 15-04-2008

Spesso l'arrivo di un bambino pone all'uomo seri problemi nell'esprimere la propria voglia di fare sesso.

Ti amo ma non ti voglio © Thinstock

Sanihelp.it - La donna incinta, a volte, perde la voglia di fare sesso. Ma nella maggior parte dei casi questa rimane costante o, al contrario, questa aumenta addirittura. 

Gli uomini, invece, dimostrano meno elasticità: ovviamente vi sono coloro nei quali il desiderio sessuale si mantiene costante e non subisce contraccolpi causati da questa nuova situazione, ma spesso i maschi vedono, con l'aumentare della pancia, diminuire il proprio desiderio erotico. E non senza che ciò provochi loro disagio. 
Ciò può diventare causa di problemi nella coppia: la donna non si sente più amata e desiderabile come prima, mentre l'uomo vive una dimensione tutta sua di gelosia nei confronti del nascituro, che si mischia alla paura di fare del male al figlio stesso in arrivo. 

Come ritrovare, allora, l'equilibrio sessuale perduto a causa della gravidanza? 
Il primo passo da fare in questa direzione è non avere paura di parlarne. L'uomo che saprà esprimere le proprie paure e ansie rispetto a questa situazione potrà essere rassicurato circa il fatto che l'amore e l'attrazione nei suoi confronti non sono venuti meno. Anzi, in alcuni casi questo desiderio può addirittura crescere. 

Resta da disinnescare la mina psicologica che riguarda la paura, più o meno consapevole, di fare del male a mamma e bambino, durante un atto sessuale. Ebbene, in mancanza di precise indicazioni del ginecologo che segue la gravidanza, l'intimità non deve risentire di questa nuova situazione
I rapporti, più o meno completi che siano, sono ammessi, consigliati e non semplicemente tollerati. La coppia, quindi non deve smettere di essere tale, anche se in mezzo c'è un pancione. 

Ma come può una donna cercare di ricreare il sacro fuoco dell'eccitazione in un marito timoroso? 
Parlando con lui, ovviamente, facendogli capire che lui resta il punto di riferimento affettivo e sessuale all'interno della coppia. ma le parole non bastano: si deve anche passare all'azione. 

Come è presto detto: carezze, stimolazioni al pene, approcci che non prevedono un rapporto completo possono restituire all'uomo la sensazione di essere desiderato e se anche non sfociano poi in un rapporto completo, diventano terreno per un confronto circa l'intesa di coppia che porterà alla ripresa dei rapporti. Sentirsi desiderati, per un uomo, è tanto importante quanto per una donna. E se invece, avendo ravvisato questa difficoltà, ci si aspetta che sia lui a prendere l'iniziativa, si rischia veramente di fare nove mesi in bianco.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Istituto italiano di sessuologia scientifica

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti