Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Botulino sempre più richiesto dopo il lifting

di
Pubblicato il: 26-05-2008
Sanihelp.it - Cambio di tendenza per quanto riguarda il lifting: nonostante la richiesta sempre maggiore per interventi mini-invasivi e con cicatrici invisibili, per spianare le rughe stanno tornando in auge gli interventi chirurgici. A riscoprire il bisturi, in particolare, sono i baby boomers, ossia la generazione nata nel periodo di prosperità economica del secondo dopoguerra, che non solo è sempre più propensa ad andare sotto i ferri per dimostrare qualche anno in meno, ma che lo abbina a filler iniettabili come il botulino per ottenere risultati più duraturi. 

È la nuova tendenza emersa durante il Convegno internazionale sulla Chirurgia orbito-palpebrale e del terzo superiore del volto, che si è svolto da poco a Bologna, grazie all'intervento del chirurgo plastico bolognese Alessandro Gennai relativo all'impiego della tossina botulinica nel periodo immediatamente post-operatorio. In combinazione, quindi, con il bisturi e non in sostituzione come avveniva tempo fa. 

Negli Stati Uniti, secondo i dati resi noti dall' American Society of Plastic Surgery (Asps), i lifting al viso sono aumentati del 14% nel 2007 tra gli ultraquarantenni, con oltre 116mila interventi durante lo scorso anno. Un dato in controtendenza, visto che dal 2000 il numero dei lifting era andato diminuendo. 
In Italia la situazione è analoga a quella statunitense. Gli ultraquarantenni si sono resi conto che botulino e filler sono validi contro l'invecchiamento, ma non sono la soluzione per spianare rughe profonde. Sono invece degli ottimi alleati dopo il lifting, per garantire risultati più duraturi. 

Il lifting endoscopico è tutt'oggi la tecnica regina per ringiovanire la parte alta del volto. È l'approccio ideale per restituire i volumi dolci della giovinezza, in quanto si basa su una filosofia diversa rispetto al lifting tradizionale, dove cicatrici invisibili, mini invasività e risultati naturali sono le parole d'ordine. 
Le caratteristiche del viso restano inalterate e grazie al lipofilling, ossia l'innesto di tessuto adiposo precedentemente prelevato da altre parti del corpo, si ridonano i volumi del viso giovanile. L'uso dell'endoscopia offre innumerevoli vantaggi: cicatrici limitate e tutte celate tra i capelli; nessuna incisione sul viso e nessuna resezione cutanea; tempi di guarigione più rapidi; assenza di complicanze legate alla cicatrizzazione e al trofismo della cute; minori rischi di lesioni nervose e vascolari; risultato più naturale.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti