Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Olimpiadi di Pechino

Turisti in Cina: vademecum per viaggi sicuri

di
Pubblicato il: 07-06-2008

Hai in programma un viaggio in Cina? Segui questi consigli e la tua vacanza sarà a prova di tutto!

Sanihelp.it - 1. Se hai intenzione di recarti in Cina consulta per tempo (circa un mese prima della partenza) il tuo medico curante e valuta insieme a lui l’opportunità di prendere alcune precauzioni e di portare con te i medicinali indispensabili al viaggio. Il medico curante conosce il suo assistito e può ritagliargli misure di prevenzione individuale, per esempio quelle legate al rischio trombosi venosa profonda, da tenere sempre presente nei viaggi a lunga percorrenza. Il medico curante potrà compilare il Passaporto Sanitario e darti quindi la documentazione della tua anamnesi. Il Passaporto Sanitario è tradotto anche in cinese, oltre che nelle principali lingue europee e in arabo e russo.

2. Alcuni vaccini come la febbre gialla non sono richiesti agli italiani, perché non provengono da zone con focolai. È consigliato fare un richiamo di tetano e difterite, vaccinazioni che si ripetono ogni 10 anni, e vaccinarsi per l’epatite B, A e per il tifo. Per altre malattie non c’è un vaccino. Per la malaria è necessario scegliere il tipo di profilassi in base alla zona della Cina dove ci si recherà. Con un medico specialista, il viaggiatore può prendere in considerazione la vaccinazione contro la rabbia, malattia quest’ultima ancora diffusa nel Paese con 2.545 casi mortali denunciati nel 2005.
Per quanto riguarda l’influenza stagionale, il vaccino deve essere adattato di anno in anno in base al nuovo ceppo che si manifesta dapprima nel sud-est asiatico, quindi se ci siamo vaccinati il vaccino ora disponibile può non essere utile per il nuovo ceppo influenzale presente in Cina nei mesi estivi. Per questo motivo è utile avere a disposizione un antivirale antinfluenzale, che agisce su tutti i ceppi virali.

3. La farmacia da viaggio deve includere: -farmaci da portare con sé ogni qualvolta si intraprenda un qualsiasi viaggio (farmacia di base): un antibiotico ad ampio spettro (per infezioni alle alte o base vie respiratorie e urinarie); un antidolorifico/antipiretico (tipo paracetamolo); un antidiarroico; un antistaminico; un antivirale
-farmaci che dipendono dalla meta prescelta: nel caso della Cina questi sono: un antifebbrile, un antidiarrotico, un antimalarico, un antibiotico intestinale e un antivirale orale come Oselramivir
-farmaci che si prendono abitualmente per eventuali patologie presenti, preferibilmente in dose doppia (nel caso in cui venisse persa la valigia!)
Di questi ultimi è buona norma avere anche una lista scritta, da portare sempre con sé.
Oltre ai farmaci è prudente mettere in valigia anche: cerotti, un falcone antisettico per lavare le ferite, bende e materiale sterile, insettorepellenti, sali per la reidratazione orale e un termometro.

4. Una volta arrivato in Cina, porta sempre con te dei repellenti per insetti e soprattutto nelle zone rurali copriti dopo il tramonto.

5. Evita cibi crudi presi per strada e bevi acqua proveniente solo da bottiglie sigillate (da usare anche per lavarti i denti). Frutta e verdura vanno pelate e sbucciate. Evita uova crude o poco cotte. Le bevande calde non presentano generalmente rischi.

6. Attenzione anche a vettori come zanzare o zecche e premunisciti contro le malattie sessualmente trasmesse.

7. Al ritorno, se compaiono sintomi come febbre, diarrea, affezioni della pelle o noti qualcosa di diverso da solito, collega subito questi segnali al viaggio e riferiscili al tuo medico nel più breve tempo possibile.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti