Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Scoptofilia

Mi mostro: sono un mostro?

di
Pubblicato il: 10-06-2008

L'esibizionismo è una pratica da curare, ma che raramente ha poi delle manifestazioni violente.

Sanihelp.it - Lo spettacolo, diciamolo, non è dei migliori. vedere un uomo che si spoglia, all'improvviso, o che magari addirittura si masturba in pubblico è sicuramente una immagine che possiamo, a seconda della sensibilità individuale, definire, sconcertante, riprovevole, ripugnante a volte persino spaventosa, sempre e comunque negativa. E su questo non ci sono mezze misure.

Più difficile è invece cercare di capire come mai ci sono uomini (perché questo problema è tipicamente maschile, benché non manchino le eccezioni) che trovano eccitazione sessuale e sentono la necessità di esibire le loro nudità in maniera così ostentata e provocatoria. la risposta, a seconda della scuola di pensiero psicologico di riferimento, ovviamente cambia. Ciò che però sembra assodato è che questo genere di parafilia, cioè di disturbo della sfera sessuale, riguardi per lo più la difficoltà del soggetto esibizionista a stabilire un rapporto paritario con la donna, con l'altro sesso.

Che la causa sia una madre castrante, come sostenuto dai psicoanalisti, oppure una ostilità nei confronti del sesso femminile, alla fine poco importa: dobbiamo piuttosto ragionare su due caratteristiche abbastanza specifiche di questo disturbo. La prima  riguarda l'età di insorgenza del disturbo stesso, che si colloca normalmente tra i 18 e i 40 anni per poi andare a scemare con il passare del tempo. Il quadro culturale dell'esibizionista è poi un altro fattore interessante: si tratta spesso di individui di media cultura, se non addirittura laureati, che scoprono in questo gesto la rottura di un canone di comportamento quotidiano che è fronte di frustrazione.

Da sottolineare anche come assai raramente l'uomo che esibisce i genitali diventi poi effettivamente violento (almeno da un punto di vista fisico: la violenza psicologica infatti è comunque perpetrata) e quindi un potenziale stupratore. Esiste infatti un limite quasi invalicabile per questo soggetti per cui è sufficiente lo sfregio imposto alla vista, senza necessità di andare oltre, anche perché alla fine temono il confronto e quindi non riuscirebbero comunque ad andare oltre a ciò che hanno già portato a termine. Non è una consolazione, ovviamente, ma solo un'informazione necessaria per riuscire, se casomai ci si dovesse trovare in questa situazione, a domare almeno la paura di essere aggredite fisicamente di fronte ad una persona che ha questo comportamento.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Journal of American Academy Psychiatry Law

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti