Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Malattie intestinali gravi possono colpire anche i bimbi

di
Pubblicato il: 25-06-2008
Sanihelp.it - Le MICI (Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali) – che includono il Morbo di Crohn e la Rettocoliteulcerosa – non colpiscono più solo la popolazione adulta. Uno studio della Clinica Pediatrica dell’Università di Trieste presso l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico materno-infantile Burlo Garofolo di Trieste ha documentato un aumento nella prevalenza di queste patologie non solo nella popolazione pediatrica generale ma anche, cosa più sorprendente, nei bambini al di sotto dei due anni

La ricerca, iniziata nel 1984 e durata vent’anni, è stata ora pubblicata dalla rivista European Journal of Pediatrics. Due le conclusioni salienti:
- le MICI che si manifestano assai precocemente (prima dei due anni di vita) costituiscono circa il 9% di tutti i casi a esordio pediatrico (< 16 anni)
- queste forme precoci rappresentano un gruppo di particolare gravità, possono nascondere un difetto congenito delle difese immunitarie, e necessitano più di altre di una terapia invasiva (chirurgica e immunosoppressiva). Inoltre, sono spesso diagnosticate con notevole ritardo perché il pediatra tende a inquadrarle come allergie alimentari.

«Raccogliendo una casistica di oltre 300 casi in venti anni – sottolinea Alessandro Ventura, direttore della Clinica Pediatrica dell’Università di Trieste presso l’Ospedale Infantile BG – abbiamo capito che le MICI possono svilupparsi molto precocemente e, in questi casi, in forma decisamente grave. 
In passato si pensava che fossero tipiche della popolazione adulta, così in tenerissima età spesso non erano individuate. Tuttora accade che i sintomi vengano erroneamente attribuiti a un’allergia alle proteine del latte vaccino, perciò i bambini con MICI subiscono un ritardo diagnostico che ne aggravava il decorso. Dunque, la possibilità di una malattia intestinale deve essere presa in considerazione dallo stesso pediatra: se un disturbo intestinale come una diarrea muco-ematica non si risolve in 3-4 settimane, e in presenza di febbre, arresto della crescita, perdita di peso, fistole o ascessi perianali, è opportuno pensare anche a una diagnosi di MICI».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
IRCCS materno-infantile Burlo Garofolo

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti