Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dagli Appennini alle Ande

di
Pubblicato il: 05-07-2008

Le mete esotiche e d'alta quota sono le preferite per i trekkers di tutto il mondo. Ma per godersi i panorami mozzafiato bisogna sapere che…

Sanihelp.it - Il trekking nei Paesi stranieri espone, oltre ai fattori di rischio fisici, anche al rischio igienico, che spesso viene sottovalutato.

Alcuni rischi sono legati alla notte, trascorsa all’addiaccio, che può esporre a molte insidie: gli insetti, in particolare le zanzare vettrici di molte malattie (malaria, febbre gialla e Chikungunya solo per fare gli esempi più noti), gli artropodi velenosi, i serpenti, ma anche la temperatura troppo alta o troppo bassa.

Il rischio igienico maggiore durante il giorno è rappresentato dall’alimentazione disordinata, dal rifornimento idrico precario, dalla difficoltà di attuare una normale igiene personale.
L’acqua è il problema principale: la sua potabilizzazione è possibile ma non agevole, il sapore dei disinfettanti spesso altera il gusto delle vivande e alla lunga stanca, spingendo a compiere imprudenze.

È buona norma lasciare le stoviglie in soluzioni disinfettanti, utilizzare sempre e solo il proprio bicchiere, non accettare cibi venduti per strada anche se apparentemente cotti. Meglio le buste liofilizzate, la frutta da sbucciare, i legumi nel baccello, le patate, le cipolle. Da evitare possibilmente uova e latticini.

Anche un corretto atteggiamento psicologico può ridurre i rischi del trekking all’estero. Prima regola è quella di comportarsi semore educatamente, non essere scostanti, dimostrare disponibilità, non essere invadenti con le fotografie e chiedere sempre il permesso per scattarle.
Gli omaggi di capi di abbigliamento e di ogni altro genere devono essere rarissimi: non ostentare ricchezza significa evitare di essere derubati.

Infine l’escursionista seriamente motivato deve avere rispetto dell’ambiente che attraversa, evitare di fare rumore, rispettare i sentieri, non manomettere la segnaletica, non abbandonare rifiuti, non cogliere specie botaniche protette o molestare gli animali selvatici, accendere fuochi solamente in luogo adatto e spegnerli con attenzione, non gettare mozziconi di sigaretta. Nemmeno spenti.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
SIMVIM - Società italiana di medicina dei viaggi e delle migrazioni

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti