Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Farmaci su Internet: 6 su 10 sono fuorilegge

di
Pubblicato il: 15-07-2008
Sanihelp.it - Occorre prestare la massima attenzione agli acquisto di farmaci su Internet: 6 volte su 10 il farmaco non è originale, l’informazione non è corretta e, soprattutto, il packaging e il bugiardino sono ingannevoli.

Secondo un indagine condotta dall’European Alliance for Access to Safe Medicines su un campione di oltre 100 siti per la vendita di prodotti farmaceutici on line, il 62% delle medicine acquistate on line o presso farmacie virtuali sono prodotti contraffatti o inadatti all’uso umano, dal momento che contengono in minima parte i principi attivi dichiarati in confezione.
Ben il 95,6% delle farmacie che operano on line lo fanno senza la necessaria autorizzazione. Inoltre, il 94% dei siti che gestiscono queste attività non ha al suo interno personale farmacista adeguatamente preparato. In sostanza operano al d fuori delle necessarie prescrizioni di legge previste a tutela del pubblico. Il 90% delle farmacie analizzate, inoltre, vende e consegna direttamente a domicilio dell’acquirente prodotti per i quali non è stata presentata la necessaria ricetta medica. Infine, nel 30% degli acquisti effettuati dagli acquirenti, il prodotto non viene recapitato all’indirizzo del destinatario o arriva un prodotto diverso da quello acquistato.

L’indagine, giunta alla sua terza edizione, evidenzia quindi che 3 volte su 5 l’acquisto di farmaci on line si rileva operazione a rischio sia economico (non ricevo ciò che desideravo acquistare) sia, soprattutto, per la propria salute. Lo studio, inoltre, evidenzia come solo il 38% delle specialità acquistate si sono dimostrate corrette, perfettamente comprensibili, insomma prodotti legalmente commercializzati; nel 16% dei casi i farmaci non erano autorizzati alla vendita nell’Unione europea e nel 33% dei casi mancavano le informazioni per il paziente.

Secondo i rappresentanti istituzionali dell’EAASM, questa ricerca conferma l’estrema pericolosità che caratterizza l’utilizzo della rete per la commercializzazione di farmaci. L’auspicio è che i grandi motori di ricerca su Internet, da Google a Yahoo fino a Msn, così come i gestori delle più note carte di credito internazionali, collaborino con le autorità competenti al fine di identificare sistemi di controllo e di cancellazione dei siti che operano fuori dal rispetto delle leggi in materia di concorrenza e, soprattutto, di tutela del consumatore.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
EAASM

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti