Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

La morte cerebrale è la morte della persona? Servono prove

di
Pubblicato il: 05-09-2008
Sanihelp.it - In un editoriale apparso sull’Osservatore Romano del 2 settembre, si rende noto che nuove ricerche scientifiche hanno riaperto la discussione sulla dichiarazione di morte cerebrale e che alcuni sono «concordi nel dichiarare che la morte cerebrale non è la morte dell'essere umano. Il rischio di confondere il coma (morte corticale) con la morte cerebrale è sempre possibile».

In merito a questo articolo, la SIAARTI, Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva, ribadisce che a oggi non esistono studi scientifici definitivi che supportino le conclusioni tratte dall’editoriale dell’Osservatore Romano, studi che sono guida indispensabile all’agire del medico.
«Pertanto - precisa il suo portavoce, il professor Ferdinando Raimondi - pur ritenendo necessario mantenere aperta ogni discussione sul piano scientifico ed etico, la SIAARTI ribadisce la sua adesione alla definizione di morte della persona basata sulla cessazione irreversibile delle funzioni encefaliche e al suo riconoscimento tramite i suddetti criteri scientifici».

La SIAARTI esprime perplessità di fronte ad affermazioni non dotate della necessaria chiarezza e robustezza scientifica; esse infatti possono indurre nell’opinione pubblica sentimenti di incertezza e sfiducia, in grado di aprire conflitti nelle delicate relazioni umane che si instaurano tra i medici e i familiari di coloro che si trovano nella condizione di morte cerebrale.

SIAARTI respinge inoltre l’ipotesi che l’utilizzazione del criterio di morte cerebrale per definire il decesso di una persona derivi dalla necessità di effettuare prelievi di organi e successivi trapianti. Tali attività, infatti, sono possibili soltanto con il consenso espresso in vita dal potenziale donatore, anche con la formula del silenzio assenso, prevista per legge ma praticamente inapplicata, o dagli aventi diritto (come disposto dal Dlgs 8 aprile 2000). È quindi da escludere che dalla dichiarazione della morte possa discendere automaticamente il prelievo di organi.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
SIAARTI

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti