Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Settembre: il mese della salute degli occhi

A scuola non ci vede? Ecco i segnali d'allarme

di
Pubblicato il: 08-09-2008

Per individuare eventuali problemi alla vista del nostro bambino, bisogna fare attenzione ad alcuni segnali: i suoi occhi, il suo comportamento, le sue sensazioni.

A scuola non ci vede? Ecco i segnali d'allarme © Photos.com Sanihelp.it - I problemi di vista non sono da sottovalutare, soprattutto in età scolare: i bambini con non vedono bene non sempre sanno che ciò che vedono è diverso da come lo vedono gli altri. Senza diagnosi e interventi precoci, i problemi alla vista dei bambini possono sfociare in difficoltà di apprendimento e peggiorare notevolmente col tempo.

Tra i segnali rivelatori di un possibile problema visivo, bisogna considerare: come appaiono gli occhi del bambino, come si comporta il piccolo e cosa riferisce in termini di sensazioni.

Come appaiono gli occhi:
• gli occhi non risultano allineati, un occhio tende a guardare di lato
• le palpebre sono arrossate, incrostate o gonfie
• gli occhi sono lucidi o rossi (infiammati).

Come si comporta il bambino:
• sbatte frequentemente gli occhi
• chiude o copre un occhio
• inclina la testa o si sporge in avanti
• ha problemi a leggere o a impegnarsi in altre attività, avvicina molto gli oggetti agli occhi per inquadrarli meglio
• sbatte le palpebre o sembra nervoso mentre svolge attività che richiedono una distanza ravvicinata
• fa fatica a mettere a fuoco gli oggetti
• guarda di traverso e aggrotta le sopracciglia.

Cosa dice il bambino:
• Non vedo bene
• dopo aver fatto un lavoro di precisione dice: Ho mal di testa oppure Ho la nausea/non mi sento bene o ancora Ho le vertigini
• Mi prudono gli occhi, Mi bruciano gli occhi
• Vedo tutto sfuocato o Vedo doppio

Cosa può succedere se i problemi visivi dei bambini non vengono rilevati per tempo?
• I bambini che restano più arretrati nell’apprendimento possono creare squilibri nell’ambito della classe e rallentare lo svolgimento dei programmi scolastici. Questo può generare tensioni psicologiche che si riverberano negativamente sull’intero anno scolastico.
• I bambini che rimangono indietro sono più esposti al rischio di cadute psicologiche, con la tentazione di voler abbandonare gli studi
• È accertato che studenti il cui unico problema si è rivelato in seguito la vista debole hanno avuto valutazioni negative da parte degli insegnanti circa le difficoltà nell’apprendimento, arrivando addirittura a essere inseriti in programmi speciali di supporto.
• È dimostrato che in alcuni casi i problemi di vista insufficiente hanno indotto nei ragazzi comportamenti aggressivi e non corretti.

In conclusione, una vista insufficiente e non adeguata, anche solo per un breve periodo, può avere effetti negativi sui risultati complessivi dell’educazione scolastica, con conseguenti ripercussioni per le future attività lavorative e sociali. Quando invece i problemi vengono diagnosticati per tempo, si riscontra in genere un miglioramento complessivo dell’intero processo educativo.




FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti