Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

3 italiani su 4 lontani dai ristoranti cinesi dopo scandalo

di
Pubblicato il: 24-10-2008
Sanihelp.it - Dopo lo scandalo del latte alla melamina quasi tre italiani su quattro (75%) non frequentano più i ristoranti cinesi. È quanto emerge dalla presentazione dei risultati dell’ indagine Coldiretti – Swg sulle abitudini alimentari degli italiani , presentata nel corso del Forum Internazionale dell'Agricoltura e dell'Alimentazione organizzato dalla Coldiretti a Villa d'Este di Cernobbio. Secondo l’indagine – precisa la Coldiretti - ben il 61% degli italiani non è mai andato in un ristorante cinese mentre il 14% ha smesso di farlo dopo lo scandalo del latte contaminato dalla melamina che fatto ammalare migliaia di bambini. Non mancano quanti hanno deciso solo di ridurre la frequenza (8%) e i temerari che continuano ad andarci come o più di prima (17%).

Le importazioni in Italia di prodotti agroalimentari dalla Cina raggiungeranno nel 2008 il valore di quasi mezzo miliardo di euro e riguardano principalmente ortaggi e legumi (secchi, conservati o loro preparazioni) tra le quali spicca il concentrato di pomodoro. Sulla base dei dati Istat dal gigante asiatico arrivano anche pesci, crostacei e molluschi, semi, sementi e piante medicinali, frutta, gomme, resine ed estratti vegetali e aglio.
Di fronte all'estendersi dell'allarme sui rischi dei prodotti cinesi occorre immediatamente - sostiene la Coldiretti - estendere l'obbligo di indicare in etichetta la provenienza di tutti gli alimenti per favorire i controlli, permettere l'immediato ritiro dal mercato dei prodotti eventualmente pericolosi e garantire così la sicurezza dei cittadini.

Nel Paese asiatico si è registrato un aumento del 27% delle morti per avvelenamento da cibo nel 2007, rispetto all'anno precedente e le autorità sono intervenute con il ritiro delle licenze per la produzione a centinaia di industrie alimentari per problemi legati alla sicurezza. La Cina è peraltro il Paese che ha ricevuto dall'Unione Europea il maggior numero di notifiche per prodotti alimentari irregolari perché contaminati dalla presenza di micotossine, additivi e coloranti al di fuori dalle norme di legge, sulla base della Relazione sul sistema di allerta per alimenti e mangimi nel 2007.
Su un totale di 2933 notifiche ben 390 - conclude la Coldiretti - sono state rivolte alla Cina per pericoli derivanti dalle contaminazioni dovute sopratutto a materiali a contatto con gli alimenti per la migrazione, non solo di metalli pesanti, ma anche di ammine aromatiche, ftalati ed adipati. Numerosi peraltro anche i casi di presenza di residui farmaci veterinari o di micotossine.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Coldiretti

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti