Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Quadrilatero della formazione: i medici a scuola via web

di
Pubblicato il: 29-10-2008
Sanihelp.it - In quattro sedi cliniche contemporaneamente -Padova, Mestre, Trento e Udine- oltre 250 medici specialisti hanno partecipato a Easy Live, un progetto di formazione medico-scientifica dedicato alla prevenzione del rischio cardiovascolare e rivolto a cardiologi, internisti e diabetologi.
I partecipanti hanno partecipato all'iniziativa senza lasciare la propria città, grazie a un modulo comunicativo innovativo: quattro studi televisivi connessi con un sistema a banda larga terrestre ad alta definizione audio-video.

Non si è trattato di lezioni frontali tradizionali, ma di veri e propri talk show, nel corso dei quali gli Specialisti presenti nelle diverse sedi hanno potuto interagire tra loro e con il professor Steven Nissen, della Cattedra di Medicina cardiovascolare della Cleveland University, presente in collegamento online.
Ma c'è di più: grazie al sistema Easy Live i medici sono stati in grado di accedere, attraverso una vera e propria visita virtuale, a due laboratori diagnostici dell’Università di Padova, per assistere a distanza e in tempo reale all'esecuzione di un'ecocardiografia e di una coronarografia.

Innovazione tecnologica e aggiornamento scientifico, quindi, per fare il punto sulle recenti acquisizioni sull’aterosclerosi e lo scompenso cardiaco. Più del 60% degli Italiani infatti ha ancora livelli troppo elevati di colesterolo cattivo LDL. Eppure, per prevenire gli eventi ischemici acuti, è ormai un fatto acquisito che sia necessario ridurre i livelli ematici di colesterolo in misura consistente.

Oggi si è in grado non soltanto di ridurre il colesterolo LDL in percentuali importanti, ma anche di intervenire sulla struttura stessa della placca aterosclerotica, favorendone la stabilizzazione, grazie alle statine. In particolare, rosuvastatina già a basse dosi è in grado di migliorare il profilo lipidico in misura più favorevole di altre statine: una percentuale molto alta di pazienti raggiunge i target terapeutici consigliati dalle linee guida internazionali per il colesterolo cattivo LDL in sole 12 settimane. Rosuvastatina si è dimostrata, inoltre, efficace nell’aumentare significativamente i livelli del colesterolo buono HDL con un profilo di tollerabilità comparabile a quello delle altre statine.

I dati dello studio METEOR mostrano che già in persone a basso rischio cardiovascolare ma con malattia aterosclerotica a livello carotideo in fase iniziale rosuvastatina, ad alte dosi e in associazione alla dieta, contribuisce efficacemente a rallentare la progressione dell’aterosclerosi, grazie a un generale miglioramento dei parametri lipidici.
Anche i risultati dello studio ASTEROID, condotto su 507 pazienti coronaropatici, evidenziano per la prima volta con una statina in monoterapia, che due anni di trattamento continuativo con rosuvastatina ad alte dosi sono in grado di determinare l’arresto dell’aterosclerosi coronarica o addirittura una sua parziale regressione in pazienti con malattia coronarica.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti