Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Amore e odio convivono nel nostro cervello

di
Pubblicato il: 30-10-2008
Sanihelp.it - Nuova vita all’Odi et amo catulliano: uno studio inglese rivela che amore e odio convivono nel cervello umano e sono attivati dalle stesse aree e dagli stessi meccanismi biochimici. Questo incredibile risultato è stato ottenuto grazie a uno scanner che ha indagato i circuiti neurali che si attivavano quando gli individui sottoposti al test guardavano in fotografia qualcuno verso cui provavano un sentimento di odio. Questi dati sono stati confrontati con quelli delle reazioni delle stesse persone, ma di fronte a un’immagine di una persona amata.

Spiega il Professor Semir Zeki dell’University College di Londra: «I risultati potrebbero spiegare il motivo per cui sia l’odio sia l’amore romantico possono portare ad atti simili di comportamento estremo. L’odio e l’amore per il biologo, hanno lo stesso interesse scientifico: sono entrambi irrazionali e portano entrambi ad azioni eroiche o addirittura ad atti violenti».
Il circuito dell’odio comprende due parti della sub-corteccia del cervello: putamen e insula, che sono attivate anche dall’amore romantico.

L’odio però è ben più razionale dell’amore: gran parte della corteccia cerebrale associata a giudizio e raziocinio risulta disattivata durante l’amore.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
agi

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti