Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Attivatori metabolici

di
Pubblicato il: 11-11-2008

Vi sono alcune piante in grado di riattivare un metabolismo pigro e utili, quindi, per riconquistare la perduta forma fisica

Sanihelp.it - L’uso degli attivatori metabolici può risultare utile ogni qualvolta ci si trovi di fronte a soggetti che pur non seguendo un’alimentazione eccessiva e scorretta, sono in soprappeso e non riescono a scendere di peso.
Queste persone, generalmente, lamentano stanchezza, bassa pressione, sonnolenza diffusa; sono pazienti per lo più molto sedentari con un metabolismo basale tendenzialmente molto basso.

In questi casi è essenziale incrementare l’attività fisica per aumentare il fabbisogno energetico e si può anche ricorrere all’uso di un attivatore metabolico.

L’arancio amaro, citrus aurantium, il te verde e l’alga bruna, ficus vesiculosus, sono piante che si comportano come attivatori metabolici perché stimolano la termogenesi, il processo che permette una più efficace utilizzazione degli acidi grassi liberi prodotti e la lipolisi, il meccanismo che permette la scissione delle riserve di grasso immagazzinate nel tessuto adiposo sottoforma di trigliceridi.

Queste sostanze naturali andrebbero usate per brevi periodi di tempo, 10-20 giorni al massimo, ripetendo l’assunzione ciclicamente anche più volte all’anno.
Queste piante esplicano un’azione stimolante per questo non vanno mai somministrate ai bambini, alle donne in gravidanza, ai soggetti cardiopatici e ipertesi.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
ADI (Associazione Italiana di Dietetica e nutrizione Clinica)

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti