Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

I 3 errori più comuni e le 5 regole per non sbagliare

Antibiotici: vademecum per un uso intelligente

di
Pubblicato il: 14-11-2008

Usare correttamente gli antibiotici vuol dire proteggersi da effetti collaterali e antibiotico-resistenza. Ecco le 5 regole d'oro.

Sanihelp.it - La percezione che molti italiani hanno del farmaco antibiotico è vicina a quella di un medicinale da banco, quasi fosse un un’aspirina. Con conseguenze serie sulla salute individuale e della comunità. Ecco gli errori più frequenti dei nostri connazionali.

• L’errore più frequente è quello di pensare che l’antibiotico curi tutte le infezioni (anche raffreddore e influenza che sono di origine virale), e questo avviene indipendentemente dal grado di istruzione delle persone.

• Anche a fronte di un’informazione corretta (per esempio da parte del medico) segue spesso un comportamento sbagliato. Spesso sembra contare di più il parere della vicina di casa (sulla base della sua esperienza personale) che quello del proprio medico di fiducia!

Si tende all’autoprescrizione (ben diversa dall’automedicazione) e si interrompe la cura al primo segnale di miglioramento o di mancato miglioramento.

Per correre ai ripari e arrestare l’uso irrazionale e autonomo di antibiotici da parte dei cittadini, l’Agenzia Italiana del Farmaco, l’Istituto Superiore di Sanità e il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali hanno realizzato un vademecum intitolato Antibiotici sì, ma con cautela, che si riassume in 5 regole principali:

1. Non prendere gli antibiotici in caso di raffreddori e influenze.

2. Prenderli sempre e solo dietro prescrizione medica (del medico di famiglia o del pediatra di famiglia).

3. Seguire esattamente tempi, modi e indicazioni del medico.

4. Non interrompere il trattamento.

5. Non cambiare spontaneamente tipo di antibiotico.

Usare gli antibiotici in modo responsabile è importantissimo perché:
• è garanzia di efficacia nella cura
• indebolisce i batteri
• diminuisce il fenomeno dell’antibiotico-resistenza
• tutela la salute individuale e collettiva.

Lo sforzo deve essere bilaterale: da parte dei medici, per una maggiore appropriatezza prescrittiva, e dalla parte del cittadino, per un uso più consapevole e responsabile.

Per sapere di più sull’uso corretto degli antibiotici sono disponibili il sito web www.antibioticoresponsabile.it e il numero verde AIFA 800-571661.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AIFA e ISS

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti