Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Fitoterapia: passa alle maniere... dolci

di
Pubblicato il: 01-04-2003

Vuoi un rimedio dolce ma efficace per risolvere piccoli disturbi e sentirti meglio? Prova la fitoterapia che grazie alle sue virtù sta conquistando sempre più fedeli.

Sanihelp.it - Fitoterapia significa letteralmente cura del corpo attraverso rimedi vegetali.
Riferendosi alla parte delle piante efficace nel produrre effetti terapeutici, si parla di fitocomplessi, termine con cui si intende l'insieme di tutte le sostanze presenti nella pianta complessivamente responsabili delle sue azioni terapeutiche.
Infatti le proprietà curative delle piante medicinali sono legate a componenti naturali che rappresentano, in termini di peso della stessa pianta, una percentuale minima, e che possono avere anche azioni differenti. Può essere quindi che una stessa pianta abbia molteplici azioni farmacologiche (per esempio la liquirizia viene usata nelle malattie dello stomaco ma ha anche proprietà cicatrizzanti, antinfiammatorie e antispastiche).

L'utilizzo di principi attivi estratti dalle piante medicinali è stato alla base della farmacologia dalla fine del '700 fino alla metà del '900, dopo di che (soprattutto in Occidente) è stato soppiantato con farmaci di sintesi chimica (molti dei quali, comunque, altro non sono che derivati di piante officinali).
La scoperta di sostanze sempre più efficaci nel trattamento di patologie gravi, come per esempio gli antibiotici, ha contribuito ad aumentare la durata della vita dell'individuo e la sua qualità, lasciando però credere che il trattamento con farmaci di sintesi potesse risolvere tutti i problemi causati dalle malattie, senza considerare gli effetti collaterali che spesso invece prendono il sopravvento sui benefici attesi.

Ma recentemente i prodotti fitoterapici sono tornati alla ribalta, in particolare nell'ambito delle cosiddette medicine naturali, altrimenti dette complementari o non convenzionali.
Le piante officinali sono tornate quindi a occuparsi di salute e benessere, ma come metodo per riequilibrare le condizione psicofisiche, non per curare una malattia. Infatti con i rimedi fitoterapici non si determina un'immediata soppressione dei sintomi (indispensabile in caso di malattie acute), ma si cerca di ottenere risultati duraturi nel tempo. Non si cura quindi una malattia ma si provvede al proprio benessere, per risolvere piccoli o grandi problemi che minacciano il nostro corpo come stress, affaticamento, cellulite ecc.
Il tutto con il notevole vantaggio che, se sapientemente dosati, i principi attivi non presentano effetti tossici sull'organismo.

La maneggevolezza e l'elevata tolleranza sono altri punti di forza della fitoterapia, che oltretutto, grazie alle nuove conoscenze in campo scientifico, può spogliarsi dei suoi limiti passati che la relegavano al ruolo di arte magica fondata su dimostrazioni di efficacia dettate dall'esperienza, senza una validazione scientifica.
Ecco allora che la fitoterapia può essere un valido aiuto: come terapia per disturbi di lieve entità, come prevenzione degli stessi, come coadiuvante durante altre terapie, anche con farmaci di sintesi, o come trattamento di supporto.

Sono sempre più numerose le pubblicazioni scientifiche che testimoniano l'efficacia dei rimedi fitoterapici nel trattamento di patologie di lieve-media gravità, esenti da effetti collaterali indesiderati per il paziente e con costi terapeutici contenuti.
Attraverso l'OMS si sta affrontando il problema della selezione e regolamentazione delle piante medicinali, promuovendone presso la classe medica l'uso terapeutico su basi scientifiche.
Tale comportamento è una dimostrazione della nuova attenzione rivolta al paziente, di cui si vuol salvaguardare la libertà di scelta terapeutica , ma è anche un attestato di riconoscimento della validità in campo terapeutico della fitoterapia.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti