Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ritrova tono ed energia con le erbe

di
Pubblicato il: 20-02-2006

Stanchezza, debolezza, scarsa capacità di concentrazione... lo stress psicofisico è in agguato, ma la natura può darci una mano. ecco come

Sanihelp.it - Ci sono momenti in cui, per vari motivi, l'organismo non riesce più a rispondere efficacemente a tutti gli stimoli cui è continuamente sottoposto. In questi casi si verifica uno stato che viene definito di affaticamento caratterizzato dal continuo accumularsi dell'incapacità di reagire e di adattarsi alle diverse sollecitazioni esterne.

Bisogna sempre ricordare che le nostre riserve energetiche non sono inesauribili e, in presenza di un carico eccessivo di stress, possono diminuire fino a raggiungere un vero e proprio stadio di esaurimento.

Le conseguenze dello stress non si limitano alla sintomatologia immediata (stanchezza, mancanza di energia, etc.). Una condizione di stress che si protrae per lunghi periodi può, col tempo, portare a veri e propri problemi di salute: non solo ansia cronica e depressione, ma anche gastrite e ulcera gastrica, insonnia, emicrania, tachicardia e affaticamento del cuore, disturbi della sfera sessuale, irregolarità del ciclo mestruale e altro.

Un ottimo aiuto può arrivare dall'utilizzo dei fitocomplessi tonificanti, che hanno la proprietà di aumentare le resistenze aspecifiche dell'organismo, innalzando l'efficienza generale in situazioni di carico e riducendo così l'incidenza dello stress sull'organismo nelle sue varie forme. In particolare, rientrano nella categoria dei tonici sia gli adattogeni che gli stimolanti, facilmente differenziabili per il peculiare meccanismo d'azione.

Gli adattogeni sono in grado di rafforzare la capacità di adattamento dell'organismo nei confronti di qualsiasi stimolo psichico o fisico sfavorevole. Sono quindi utili per affrontare con maggiore carica sia l'intensa attività fisica (sport, lavori pesanti) che il lavoro mentale (studio, lavori di concetto).
In pratica, le piante toniche di tipo adattogeno sono indicate sia per un uso preventivo che per accelerare il recupero dell'organismo in caso di stress già manifesto. Tra i principali adattogeni troviamo il Ginseng, l'Eleuterococco, la Schizandra, la Rhodiola.

Gli stimolanti invece sono in grado di stimolare i centri nervosi cui consegue un'eccitazione cerebrale molto favorevole al lavoro intellettuale. Grazie ad una sollecitazione dei centri spinali, rendono più pronti i riflessi e aumentano la disponibilità delle principali riserve energetiche dell'organismo.
Per la loro azione pronta, gli stimolanti sono indicati subito prima di un impegno particolarmente gravoso (un esame, una gara sportiva, etc.). La più nota pianta di questo gruppo è il Guaranà, ma anche il Ginseng presenta buone proprietà stimolanti.

Infine, i riequilibranti psicofisici e gli integratori di micronutrienti aumentano la vitalità, migliorano il tono dell'umore e riducono gli sbalzi emotivi. Assicurano inoltre un equilibrato apporto di micronutrienti (vitamine, sali minerali, oligoelementi), essenziale per un corretto svolgimento delle funzioni metaboliche in genere.
Questa particolare categoria di tonici risulta la più adatta per i bambini. Appartengono a questo gruppo Pappa reale, Polline, Lievito di Birra, Mirtillo, Acerola, Rosa Canina, Olio di germe di Grano.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
aboca.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti