Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Uomini e donne vivono più a lungo, ma mangiano male

di
Pubblicato il: 04-03-2009
Sanihelp.it - Pane, pasta, frutta, verdura, olio extravergine d'oliva e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari hanno consentito agli italiani di conquistare fino a ora il record della longevità con una vita media di 78,4 anni per gli uomini e di 83,8 anni per le donne, nettamente superiore alla media europea. È quanto afferma la Coldiretti nel commentare l’allarme del Rapporto Osservasalute 2008 per il peggioramento delle abitudini alimentari e il sovrappeso.

Il crollo del 20% nei consumi familiari di frutta e verdura avvenuto negli ultimi cinque anni, con una tendenza all'abbandono dei principi della dieta mediterranea soprattutto nelle giovani generazioni, stanno mettendo a rischio la forma e la salute degli italiani.

Lo dimostra il fatto che quasi un terzo degli italiani (35%) è obeso o in sovrappeso e che i ragazzi di questa generazione per la prima volta nella storia possano essere i primi ad avere una vita più breve dei propri genitori. Il sovrappeso e l'obesità riguardano solo il fattore estetico, ma incidono notevolmente anche sulla salute perché sono un importante fattore di rischio per molte malattie come i problemi cardiocircolatori, il diabete, l'ipertensione, l'infarto e certi tipi di cancro.

Secondo recenti studi pubblicati sul British Medical Journal dell'Università di Firenze, la dieta mediterranea riduce del 13% l'incidenza del Parkinson e dell'Alzheimer, del 9% quella per problemi cardiovascolari e del 6% quella del cancro. Occorre pertanto intervenire nelle case e nelle scuole con una maggiore attenzione ai menù, anche nelle mense dove deve essere garantita la presenza di cibi sani come i prodotti tradizionali e la frutta e verdura locale che troppo spesso mancano dalle tavole.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Coldiretti

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti