Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Scienza, medicina e ricerca dominate dai maschi

di
Pubblicato il: 09-03-2009
Sanihelp.it - In Italia sono donne almeno sei laureati o dottori di ricerca su dieci in medicina e farmacia, e più di uno su due in scienze della vita, fisica e agraria. Ma a tre anni dalla laurea, le donne disoccupate sono di più dei colleghi maschi: 26,9% contro 20% in campo geo-biologico, 22,3% contro 11% in campo scientifico, 12,9% contro 7,7% in ambito medico.

A parità di titolo di studio, inoltre, le laureate che lavorano nei settori tecnoscientifici guadagnano meno rispetto ai colleghi laureati. La differenza, a tre anni dalla laurea, è già del 10% e tende ad aumentare nel corso della carriera professionale: mediamente una ricercatrice italiana percepisce il 33% in meno di un ricercatore.

Sono alcuni degli spunti che emergono dall’Annuario Scienza e Società 2009, quinta edizione del volume realizzato da Observa - Science in Society, con il sostegno della Compagnia di San Paolo e pubblicato per Il Mulino. Il volume propone una raccolta ragionata di informazioni e dati, provenienti da fonti nazionali e internazionali, utili per comprendere lo stato e le trasformazioni della ricerca e dell’innovazione, anche sotto il profilo delle dinamiche di genere, nella nostra società.

L’Italia si conferma un Paese con poche ricercatrici donne: meno di una ogni tre ricercatori. Il dato tuttavia ci vede in linea con la media europea. Se in Svezia toccano il 35%, in Norvegia e Finlandia, le donne impegnate in R&S sono il 31%, mentre in Francia arrivano al 27,8%. In Germania addirittura sono ferme al 21,4%.
Più critica la situazione nel settore privato: su tutti i ricercatori, le donne occupate nelle imprese italiane sono il 5,1%, mentre in Svezia arrivano al 13%, in Finlandia e in Francia al 9%, in Irlanda all’8,4%.

Le disparità non sono comunque passate inosservate. «La percezione di potenziali dinamiche discriminatorie nel reclutamento e nelle carriere scientifiche» fa notare Valeria Arzenton, sociologa, curatrice del volume insieme a Massimiano Bucchi «è diffusa tra gli italiani. Il 60%, maschi compresi, è d’accordo nel ritenere che l’ambiente di lavoro degli scienziati sia dominato dai maschi. E nello stesso tempo sia il mondo della ricerca sia l’opinione pubblica riconoscono alle donne tutti i requisiti intellettuali e le competenze professionali necessarie per contribuire all’attività scientifica».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Observa - Science in Society

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti