Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Conosciamo il Rescue Remedy

Il rimedio naturale per il primo soccorso

di
Pubblicato il: 31-03-2009

È una combinazione di cinque fiori di Bach e viene usato in caso di emergenze e di forti spaventi. Cura anche ferite e gengive arrossate.

Sanihelp.it - Nel tempo, i fiori di Bach si sono conquistati un ruolo importante nell’ambito della prevenzione e della cura della maggior parte dei disturbi psicologici ed emozionali del nostro tempo: ansia, depressione, stress, attacchi di panico, disturbi dell’alimentazione ecc.

In totale i fiori sono 38. Esiste poi un rimedio, una combinazione di cinque fiori diversi, utile in casi di choc fisico e psicologico. Pare che Edward Bach lo abbia usato per la prima volta per far rinvenire una persona che aveva rischiato di annegare.

Si chiama Rescue Remedy e aiuta a superare diversi tipi di trauma, riequilibrando i livelli energetici. Naturalmente questo rimedio non può sostituire un trattamento medico d’emergenza, ma può aiutare in qualche modo a superare uno stato di choc o a prevenirlo in situazioni di rischio.
Per esempio può essere somministrato a una persona che ha ricevuto una brutta notizia, che ha avuto un incidente, prima e dopo una visita dentistica o un intervento chirurgico, durante una causa giudiziaria e in tutte le situazioni che comportano stress e ansia.

I cinque rimedi che compongono Rescue Remedy sono:
1. Clematis per lo svenimento
2. Cherry Plum per la paura di perdere il controllo
3. Star of Bethlehem per i traumi fisici e mentali
4. Rock Rose per il terrore, il panico e l’isteria
5. Impatiens per l’agitazione.

Il dosaggio è individuale, a seconda dei casi. In una situazione di emergenza si possono prendere quattro gocce ogni 15 minuti di rimedio allo stato puro, poi ogni 30 minuti, fino a intervalli di qualche ora. Se la persona è svenuta si possono versare quattro gocce di rimedio direttamente sulle labbra, sulle tempie, dietro le orecchie.
In casi meno gravi il rimedio viene diluito, avendo però l’avvertenza di prendere quattro gocce dal flaconcino madre invece delle solite due usate per altri rimedi.

Questo rimedio si trova anche sotto forma di pomata per curare i graffi, le piccole ferite, le punture d’insetto, le piccole bruciature, le emorroidi e le slogature. Si applica direttamente sulla pelle con un massaggio oppure su una garza, per medicare ferite o abrasioni. Sciacqui con il Rescue Remedy si sono rivelati utili in caso di estrazioni dentarie e di gengiviti.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
S. Di Massa, Curarsi da soli con i fiori di Bach, Red Edizioni

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti