Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Effetti delle allergie sul viso

La primavera non ci fa belle

di
Pubblicato il: 07-04-2009

Occhi gonfi e rossi, pelle tumefatta, naso che cola: le allergie primaverili non lasciano un bel segno sul viso. Scopri i rimedi per rifiorire in tutta la tua bellezza.

Sanihelp.it - Se la primavera quest’anno ha registrato qualche giorno di ritardo, puntualissime sono invece le allergie caratteristiche di questa stagione.
Un problema di salute, certamente, ma anche estetico, considerando che, oltre a provocare sintomi respiratori e a volte gastrointestinali, le malattie allergiche si manifestano palesemente anche sul volto, provocando imbarazzanti e spiacevoli effetti: occhi rossi, tumefazione delle congiuntive e lacrime a gogò. Completano il quadro fotofobia, prurito o bruciore, sintomi dovuti a una ipersecrezione di istamina.

Non potendo ricorrere al make-up (che irriterebbe ancora di più gli occhi), le donne colpite da questo problema preferiscono spesso rinchiudersi in casa piuttosto che uscire di casa con il volto gonfio e arrossato. Così perdono giorni di lavoro e rinunciano alle attività preferite, come la frequentazione degli amici o la palestra.

Spesso la congiuntivite allergica è la conseguenza di una rinite allergica da pollini o di una allergia generalizzata. Anche i vapori o le esalazioni di vernici, sostanze chimiche, peli di animali domestici, possono causare allergie oculari.
In coloro che portano le lenti a contatto, l’arrossamento oculare può manifestarsi in seguito a intolleranza a particolari tipi di materiali che compongono le lenti o a una loro scarsa pulizia.

Ma cancellare questi antiestetici segni di primavera sul viso e uscire di casa più belle che mai è possibile, seguendo semplici accorgimenti:
1. evitare di strofinarsi gli occhi per calmare il prurito
2. rimuovere eventuali corpi estranei rivoltando la palpebra verso l’alto; nel caso si tratti di granelli di sabbia un bagno oculare può essere d’aiuto
3. se l’arrossamento è causato dal fumo o dalla permanenza in ambienti inquinati, sono consigliabili colliri decongestionanti
4. in caso di intolleranza a lenti a contatto si può ricorrere a bagni oculari e a colliri decongestionanti
5. se l’arrossamento è sostenuto da allergie, sono più utili i colliri simpatico-mimetici di automedicazione che svolgono anche un’azione antiallergica oltre che decongestionante.

Questi ultimi sono prevalentemente a base di nafazolina, oximetazolina o tetrizolina. Altri colliri che non richiedono ricetta medica sono a base di mirtillo. Più potenti sono i colliri a base di idrocortisone, antinfiammatori e allo stesso tempo anti-allergici (richiedono la ricetta).

Un rimedio salva-bellezza tutto naturale si ottiene facendo bollire in mezzo litro d’acqua alcune foglie e due cucchiai di semi di finocchio, fino a ottenere un liquido piuttosto concentrato. Amalgamate questo infuso con del riso scotto e applicate sugli occhi per un quarto d’ora circa, restando in posizione relax. Togliete infine con acqua fredda.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
ANIFA - Associazione nazionale dell'industria farmaceutica dell'automedicazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti