Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Nella danza aumenta di 3-6 volte il rischio di anoressia

di
Pubblicato il: 30-04-2009
Sanihelp.it - Per la popolazione femminile lo sport e la danza possono rappresentare un fattore di rischio per lo sviluppo dei Disturbi del Comportamento Alimentare (Anoressia e Bulimia Nervosa). In particolare, tra le danzatrici il rischio di sviluppare Anoressia Nervosa aumenta di 3-6 volte rispetto alla popolazione generale, mentre la Bulimia Nervosa si riscontra più frequentemente in un range che varia dal 2 al 12% circa.
Inoltre lo svolgimento di un'attività di danza nell'infanzia e nell'adolescenza aumenta il rischio di sviluppare Bulimia anche dopo la fine dell'attività.

Risulta pertanto utile una maggiore formazione degli operatori del mondo della danza al fine di attuare una più efficace prevenzione dei disturbi alimentari tra i giovani che intraprendono tale attività a livello agonistico e non.
È questo l'obiettivo del Convegno Danza e benessere: l'importanza di una corretta alimentazione, organizzato a Torino in occasione della Giornata Mondiale della Danza del 29 aprile, secondo l’invito dell’International Dance Council/Iti UNESCO.

È stato presentato il progetto Prevenzione dei Disturbi del Comportamento Alimentare (anoressia, bulimia e obesità) nelle scuole di danza, nato dalla collaborazione tra il Centro Pilota regionale dei Disturbi del Comportamento Alimentare dell'Ospedale Molinette di Torino e la scuole di danza piemontesi aderenti all’U.I.S.P. Il Convegno si pone come momento di coinvolgimento delle istituzioni pubbliche (Regione Piemonte e Comune di Torino) e della cittadinanza rispetto ai temi della corretta alimentazione per chi frequenta corsi di danza.

Durante la giornata sono stati dati i consigli agli insegnanti di danza, ai loro allievi e ai genitori per una corretta alimentazione per chi frequenta corsi di danza e illustrati i principali problemi legati alla nutrizione quali obesità, anoressia e bulimia. In particolare sono state sottolineate le importanti connessioni nell’età giovanile tra stile alimentare e stile di vita – personalità.
La manifestazione rientra in un programma di prevenzione attraverso l’attivazione del benessere fisico ed è rivolta a un’utenza di allievi che si fa sempre più numerosa e giovane, anche a seguito delle sempre più stringenti sollecitazioni dei mass-media.

Al Progetto hanno aderito ben 28 scuole con relativi 50 insegnanti a cui fanno capo circa un migliaio di allieve.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Az. Ospedaliera S.Giovanni Battista di Torino

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti