Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

In coppia

Il tumore nel partner

di
Pubblicato il: 12-05-2009

La malattia può colpire emotivamente gli affetti del paziente oncologico. Per questo le strutture sanitarie devono occuparsi anche delle necessità familiari

Sanihelp.it - Le reazioni alla malattia da parte dei membri della famiglia rispecchieranno le abitudini quotidiane e i rapporti familiari. Nelle famiglie già caratterizzate da rapporti ostili, deprivazione sociale e scarsa salute mentale o fisica, l'insorgenza di tumore in uno dei membri può accelerare il totale fallimento dell'aggiustamento. In altri casi, però, la fatica della malattia aiuta a ritrovarsi più uniti e a vivere esperienze positive di unione e supporto familiare.

Lo scambio di ruoli tra partner si impone quando il paziente è in uno stato di limitatezza fisica. Una moglie ammalata non riesce più a gestire i lavori domestici, prendersi cura dei figli, cucinare o fare la spesa; il partner perciò, oltre a essere stressato emotivamente, dovrà caricarsi di responsabilità pratiche delle quali forse è inesperto. La flessibilità è una dote fondamentale per far fronte a queste situazioni: c'è chi reagisce con energia e chi invece vede la prospettiva di un cambiamento come una minaccia.

Il paziente oncologico soffre enormemente per la perdita del proprio ruolo e pensa che nessuno possa sostituirlo in maniera adeguata. Questa reazione può essere evitata se il paziente assume un altro ruolo importante, al posto di quello che si è visto costretto a lasciare. Alcuni pazienti lamentano l'insensibilità del partner di fronte alla malattia: ciò non è necessariamente frutto di egoismo, ma anche di un possibile rifiuto di riconoscere la condizione altrui.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Cancro ed emozioni - Centro Scientifico Editore

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti