Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Farmaci biologici per i tumori del fegato non operabili

di
Pubblicato il: 22-05-2009
Sanihelp.it - A Milano, presso la sede della Fondazione Irccs Istituto Nazionale dei Tumori, si è tenuto l’annuale appuntamento organizzato dal Gruppo I.T.M.O., presieduto dal professor Emilio Bajetta, che dirige il reparto di Oncologia Medica 2 e presiede la Fondazione Giacinto Facchetti per lo studio e la cura dei tumori.

Al centro dell’incontro, a cui hanno partecipato oltre 300 medici oncologici provenienti da tutta Italia, il confronto sulla rapida evoluzione che sta interessando anche l’oncologia gastrointestinale a seguito dell’utilizzo di nuovi farmaci biologici ora disponibili nella pratica clinica, utilizzati in diverse combinazioni terapeutiche.
Nel corso dei lavori sono stati presentati l’avanzamento di studi clinici riguardanti i tumori allo stomaco, al fegato, alle vie biliari, al pancreas e al colon-retto, che in Europa e in Italia rappresentano la seconda causa di mortalità oncologica.

Tra gli altri, sono stati presentati i risultati nell’utilizzo del cetuximab, a fianco di terapie tradizionali, che ha consentito di rendere operabili tumori del fegato caratterizzati da vaste metastasi, in precedenza non trattabili chirurgicamente.
«Lo sviluppo della diagnostica molecolare - ha concluso il professor Bajetta – da un lato ci ha fatto capire che esistono diverse categorie di tumori che riguardano un determinato organo e che quindi vanno curati in modo differenziato, nello stesso tempo, però, come nel caso del cetuximab, i farmaci innovativi possono essere utilizzati, per così dire, trasversalmente su diversi tipi di tumore».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Convegno I.T.M.O.

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti