Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale Omeopatia

Omeopatia da viaggio

di
Pubblicato il: 16-06-2009

I rimedi che aiutano ad affrontare e combattere piccoli disturbi e incidenti che possono capitare in vacanza.

Sanihelp.it - Per il mal d’auto: se volete aria e finestrini abbassati, siete pallidi, il rimedio che vi rimetterà in sesto è Tabacum, da prendere alla 30 CH; una compressa prima del viaggio e una ogni ora.

Per la paura dell’aereo: Gelsemium alla 200, mezza dose prima di partire per l’aeroporto.

Per il jet lag: Cocculus 200 CH,un paio di dosi per superare il malessere dovuto al repentino cambiamento di fuso orario e ritrovare l’efficienza per visitare i nuovi posti e godersi la vacanza.

Contro le scottature solari: chi è allergico al sole sarà protetto dalle radiazioni da Sol 200 CH prima delle vacanze, alla partenza e un granulo al giorno prima dell’esposizione, alla diluizione 30 CH.

Dopo il morso di una medusa: un pizzico di Urtica urens alla 200 CH: con le sue spicole, questo succo di ortica dà la stessa sensazione della medusa e guarisce ciò che provoca, secondo i principi dell’omeopatia.

Se al mare c’è vento: chi ha tendenze a lombalgie e reumatismi e soffre l’umidità può prendere Rhus toxicodendron 30 CH.

Per il mal di mare: assumere Sea sickness al minimo accenno di malessere e continuare con una compressa ogni ora.

Per il mal di montagna: salite verso la vetta e arriva la cefalea, battente, con palpitazione, ronzii, malessere, oppressione? Provate Arsenicum album 200 CH mezza dose, da ripetere ogni ora fino a benessere raggiunto.

Per un colpo di freddo: in montagna può capitare: Aconitum 30 CH, ripetuto ogni tre ore, eviterà l’arrivo di un febbrone con brividi scuotenti. Naturalmente stando al caldo.

Dopo un’intossicazione alimentare: Arsenicum album 200 CH dopo ogni scarica di vomito o diarrea. Se di frutti di mare, cozze e ostriche: Lycopodium 200 CH.

Per le punture di insetti: Ledum 200 CH, da somministrare subito.

Per gli ematomi: un pugno che produca un ematoma con conseguente occhio nero richiede Ledum 30 CH.

Per traumi di ogni genere: Arnica 30 CH: ripetere ogni mezz’ora, fino a miglioramento dei sintomi, poi per almeno tre giorni, tre granuli, tre volte al dì.

Per ferite della pelle: se si tratta di ferita lacero-contusa con sanguinamento, taglio, squarcio e flebotomia, prendere Calendula 30 CH ripetuta tre volte, per cinque giorni; se la ferita è inferta in regioni riccamente innervate e quindi molto sensibili e dolorose, come labbra, naso, occhi, polpastrelli e genitali, prendere Hypericum 30 CH.

Per chi in vacanza alza il gomito: le sbronze occasionali possono essere trattate con Ranuncolus bulbosus 200 CH (sotto forma di tintura madre – 20 gocce in un litro di vino – serve anche per togliere il vizio del bere agli alcolisti).

In crociera: contro il mal di mare sulla nave il rimedio adatto è Tabacum 30 CH.

Per il mal di denti: se il dolore è pulsante, battente, torcente, pungente e viene scatenato sia dal caldo che dal freddo, prendere Calcarea carbonica 200 CH.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
R. Dujany, Omeopatia da viaggio, Red Edizioni

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti