Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Evitabili ogni anno il 50% di isterectomie nel mondo

di
Pubblicato il: 12-10-2009
Sanihelp.it - L’asportazione dell’utero resta il più diffuso intervento al mondo dopo il taglio cesareo. L'hanno subita negli USA e nel sud Australia una ultrasessentenne su tre, nel Regno Unito una su cinque e in Italia sono state eseguite nel 2004 circa 70.000 isterectomie.

Interventi in gran parte dei casi evitabili, soprattutto quando sono determinati dai flussi abbondanti, motivo principale per cui si ricorre a questa operazione demolitiva.
I sanguinamenti eccessivi - la più diffusa patologia della mestruazione che riguarda una donna su 20 tra i 30 e i 49 anni - possono essere infatti curati con un sistema intrauterino a rilascio di farmaco, come indicano le linee guida SIGO e quelle del National Institute for Health and Clinical Excellence (NICE). 

Il dispositivo, che libera in maniera costante, per cinque anni, una piccola quantità di progestinico (il levonorgestrel), garantisce anche la sicurezza contraccettiva per tutta la sua durata d’uso.

È un’ottima soluzione anche per quei Paesi in cui vi è un alto tasso di aborti, soprattutto di quelli ripetuti. Il dispositivo può infatti essere inserito immediatamente dopo un’interruzione volontaria di gravidanza. Ogni otto minuti nel mondo infatti si registra una morte per complicanze correlate ad aborti compiuti in condizioni di non sicurezza.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
SocietÓ italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO)

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti