Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dolore: guardare il proprio corpo per soffrire meno

di
Pubblicato il: 04-11-2009
Sanihelp.it - La comprensione dei meccanismi che regolano il dolore fa un nuovo passo in avanti. Uno studio pubblicato nei giorni scorsi su The Journal of Neuroscience, rivista ufficiale della Società Americana di Neuroscienze, ha dimostrato che guardare una parte del nostro corpo sottoposta a stimolazione dolorosa induce una riduzione del dolore stesso, sia come intensità che come percezione della sua spiacevolezza.

La prima linea di difesa del nostro corpo contro stimoli esterni potenzialmente dolorosi è costituita dall’attivazione di appositi recettori detti nocicettori: tramite la loro attivazione selettiva è possibile studiare le possibili modulazioni del sistema dedicato all’elaborazione degli stimoli dolorosi. Ciò si ottiene avvalendosi di uno stimolo laser, con la tecnica neurofisiologica dei potenziali evocati laser o LEPs.

Ricorrendo ai LEPs, nella ricerca è stata osservata una riduzione di ampiezza del potenziale doloroso evocato quando il campione di soggetti osservava (tramite uno specchio) la propria mano sinistra mentre la destra veniva sottoposta a stimolazione laser. Tale procedura definita mirror-box illusion creava efficacemente l’illusione di guardare direttamente la mano destra.

I risultati ottenuti hanno indicato che una modulazione del dolore viene innescata dalla semplice osservazione del punto corporeo sottoposto a stimolazione nocicettiva. Tale effetto è risultato specifico soltanto per il proprio corpo: nessuna riduzione dei LEPs, quindi della sensazione di dolore, si è invece registrata quando i soggetti studiati osservavano la mano di un’altra persona contemporaneamente alla stimolazione dolorosa che avveniva sulla propria.

Tutto ciò ha suggerito ai ricercatori che le terapie del dolore potrebbero avvalersi di interventi basati anche sulla modulazione cognitiva del dolore stesso e messi in atto dalla persona sofferente. In sostanza, guardare il proprio corpo in uno stato di dolore potrebbe avere importanti e strategiche applicazioni terapeutiche, attualmente basate quasi esclusivamente su interventi esterni come il trattamento farmacologico.

La ricerca è stata svolta presso l’IRCCS Fondazione Santa Lucia e l’Università di Roma La Sapienza.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
IRCCS Fondazione Santa Lucia

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti