Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

I segreti di una bellezza senza tempo

Svelati gli elisir rosa di lunga vita

di
Pubblicato il: 24-11-2009

Durante una due giorni milanese sono stati svelati da esperti illustri tutti i modi per restare giovani, belle e in salute: dalla dieta agli ormoni, fino alle nuove tecniche lifting.

Sanihelp.it - A Milano si è tenuto il primo Congresso Internazionale di Medicina Predi-Preventiva e Rigenerativa, interamente dedicato alla salute della donna. Ecco, in sintesi, le novità riguardanti la salute e la bellezza della donna di oggi e i segreti per invecchiare bene.

Al primo posto, la dieta. Al congresso è stato presentato anche un innovativo regime alimentare che non tiene più conto dell’apporto calorico degli alimenti, ma analizza le molecole che li compongono: carboidrati, proteine, grassi, vitamine, minerali. Si articola in quattro giorni proteici per scaricare il fegato dal peso di glicogeno e trigliceridi e riattivare il metabolismo, seguiti da un giorno glucidico, con maggior dose di carboidrati, per una ricarica metabolica di fegato e muscoli.

La dieta mediterranea, con il suo alto contenuto di fibre, acidi grassi omega 3 e antiossidanti , rimane invece il pilastro nella cura di una nuova categoria di obesi identificata dai ricercatori dell’Università Tor Vergata di Roma: gli obesi normopeso, persone che hanno un peso nella norma, ma una percentuale di grasso corporeo superiore al 30%.
La nuova sindrome, la Normal Weight Obese Syndrome, colpisce prevalentemente le donne ed è conosciuta come Sindrome di De Lorenzo; chi ne è affetto sarebbe più a rischio di sviluppare le patologie tipiche dell’obesità, come il diabete e le malattie cardiovascolari.
 

Durante il congresso sono stati presentati anche i risultati del primo studio che dimostra gli effetti della dieta mediterranea nella riduzione degli estrogeni endogeni, una scoperta che potrebbe aprire la strada a una nuova strategia di prevenzione alimentare del tumore del seno.

Un altro concetto importante per la nuova medicina anti-aging è lo sfruttamento dell’ormesi (dal greco ormesis, stimolazione). In base a questa proprietà, brevi periodi di stress lieve stimolano la risposta dei meccanismi di difesa dell'organismo, contribuendo a migliorare la salute e prolungando la vita. Il paradigma dell'ormesi è l'attività fisica, che incrementa il livello di cortisolo e di catecolamine e comporta una reazione immunologica da stress.
Un'attività fisica moderata produce quindi effetti positivi sul rischio di infezioni delle vie aeree, compresa l'influenza stagionale, e di stabilizzazione del sistema immunitario.

L’invecchiamento precoce si previene anche controllando alcune reazioni chimiche che avvengono a livello cellulare e molecolare come la glicazione, un fenomeno coinvolto in molte malattie degenerative.
La glicazione può essere controllata grazie ad alcuni accorgimenti, come il controllo del carico glicemico dei carboidrati, la riduzione del grasso corporeo, soprattutto addominale, esercizio fisico e in alcuni casi con integratori per esempio a base di carnosina o piridossamina.
 

E sempre alla lotta all’invecchiamento sono utili nuovi ormoni-chiave identificati al congresso.
La vasopressina, per esempio, sembra l’alleato ideale per migliorare l’aspetto della pelle del volto, distendendo i tessuti e riempiendo solchi e segni del tempo, il melanotan II, un derivato sintetico dell’MSH (l’ormone che stimola i melanociti), aiuta a controllare le infiammazioni e sostiene l’abbronzatura, l’ossitocina potrebbe rappresentare un valido supporto per combattere il sovrappeso, grazie alla sua capacità di ridurre l’appetito, infine l’IGF-1 risulta una delle molecole più efficaci nel proteggere l’organismo dai danni del tempo che passa.

Infine, il tanto amato ritocchino, oggi sempre meno invasivo e senza bisturi: si è parlato di un lifting che si avvale delle cellule staminali, lo stem cel facelift, che può essere eseguito in ambulatorio, in anestesia locale, e sfrutta le cellule del grasso addominale per riempire i tessuti svuotati dal tempo, e del liquid face lift, che con iniezioni e trattamenti combinati (botox, biostimolazione, luce pulsata e acido ialuronico) combatte l’invecchiamento del volto su tre fronti: perdita di volumi, rughe e lassità della pelle di volto e décolleté.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Congresso Donne senza pausa, novembre 2009, Milano

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti