Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Troppi cibi precotti, giovani inglesi a rischio ictus

di
Pubblicato il: 19-11-2009
Sanihelp.it - L’aumento in Inghilterra del numero di pasti precotti o take-away, soprattutto tra i più giovani è un dato significativo.
Ragazzi e bambini al di sotto dei 18 anni ne consumano in media tre a settimana, ma il 16 per cento di loro ne mangia almeno uno al giorno.

Il sondaggio è stato condotto dalla Consensus Action on Salt and Health, e i risultati allarmano anche le associazioni salutistiche, che mettono in guardia dal consumo eccessivo di questi cibi e dai loro potenziali rischi per la salute, in particolare l'ictus.
Joe Korner della Stroke Association ha così commentato i risultati del sondaggio:«I cibi precotti, oppure quelli dei take-away, che si possono trovare nei comuni fast food, contengono un alto livello di sale che può portare a problemi di salute anche seri. Il livello di sale consumato al giorno è importante, e non dovrebbe superare i 6 grammi, secondo quanto raccomandato dalla Food Standards Agency».

Là metà delle tremila persone coinvolte ha però dichiarato di non preoccuparsi del livello di sale nel cibo e il 78% ammette di aggiungere altro sale al cibo durante o dopo la cottura. L'85 per cento ha anche detto di non svolgere esercizio fisico sufficiente durante la settimana.
Wendy Martinson, nutrizionista, aggiunge: «Un eccesso di sale, unito alla mancanza di esercizio, può abbassare la pressione sanguinea, mettendo a rischio di ictus. Il consumo sempre maggiore di cibi precotti sta esponendo i giovani a maggiori rischi di salute e complicanze nel futuro».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
agi

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti