Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Speciale Influenza A

Vaccino: a chi rivolgersi?

di
Pubblicato il: 24-11-2009

Hai intenzione di vaccinarti? Ecco tutto quello che devi sapere e a chi ti devi rivolgere...

Sanihelp.it - A chi rivolgersi per ricevere il vaccino?

Le persone individuate nelle Ordinanze ministeriali come destinatarie dell’offerta del vaccino o perché a rischio possono rivolgersi ai Servizi di Vaccinazione delle ASL, solitamente presenti a livello di Dipartimento di Prevenzione o di Distretto sanitario, o ai loro medici di medicina generale o pediatri di libera scelta. Numerose Regioni hanno attivato appositi Numeri Verdi.

Quali sono le modalità di somministrazione?

Nei soggetti di età superiore ai nove anni va somministrato per via intramuscolare preferibilmente a livello del muscolo deltoide (braccio) ; nei bambini e nei lattanti nella faccia antero-laterale della coscia.

Quante dosi sono necessarie ?

La somministrazione di una sola dose di vaccino pandemico per adulti e ragazzi al di sopra dei 10 anni di età è sufficiente per ottenere la protezione. Una seconda dose deve essere somministrata soltanto ai bambini di età compresa tra 6 mesi e 9 anni.

Le donne in gravidanza possono fare la vaccinazione pandemica?

È raccomandata alle donne che si trovano nel secondo e terzo trimestre di gravidanza e consigliata a quelle che hanno partorito da meno di sei mesi. Nel primo trimestre di gravidanza la vaccinazione antinfluenzale deve essere subordinata a un’attenta valutazione del rapporto rischio beneficio da parte del medico curante.

Se si è già avuta la malattia si può essere vaccinati lo stesso?

La vaccinazione avrà l’effetto di richiamare la memoria immunologica e si avrà un aumento della risposta provocata dalla stessa vaccinazione.

I bambini devono fare la vaccinazione pandemica?

Un bambino in buone condizioni di salute è in grado di reagire autonomamente o con il semplice supporto di terapie sintomatiche nei confronti del virus influenzale. Si devono vaccinare i bambini a rischio, cioè affetti da: malattie dell’apparato respiratorio, dell’apparato cardiocircolatorio, malattie epatiche, renali, tumori, diabete mellito e altre malattie metaboliche, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV, malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinale.

C’è il rischio di contrarre l’influenza dal vaccino stesso?

I vaccini inattivati contengono il virus ucciso o parti di questo che non possono causare alcuna malattia. La somministrazione del vaccino può causare lievi effetti collaterali simil-influenzali (febbre, dolori muscolari o articolari) ma meno marcati e di durata più breve.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Ministero della Salute

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti