Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Unicef: in 20 anni migliorata situazione dei bimbi nel mondo

di
Pubblicato il: 03-12-2009
Sanihelp.it - In occasione del 20° anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, adottata dall'Assemblea generale dell'ONU nel 1989, l’UNICEF lancia un rapporto speciale sulla condizione dell’infanzia nel mondo, che mostra l'impatto della Convenzione sui diritti e delinea le sfide che rimangono da affrontare.

Il rapporto mette in luce l’importanza storica della Convenzione. Più di 70 paesi hanno inserito nella legislazione nazionale una normativa basata sulle disposizioni della Convenzione.

Sono notevoli i progressi compiuti in questi ultimi 20 anni: il numero annuale dei decessi sotto i cinque anni di età è sceso da circa 12,5 milioni nel 1990 a circa 8,8 milioni nel 2008, con una diminuzione del 28%; tra il 1990 e il 2006 circa 1,6 miliardi di persone hanno avuto accesso a fonti d'acqua migliorata; a livello globale, circa l’84% dei bambini in età scolare frequenta la scuola e il divario di genere si sta nettamente riducendo; sono state adottate importanti misure contro l’arruolamento dei bambini soldato, la tratta, la prostituzione e la schiavitù domestica; l'età dei bambini che contraggono matrimonio è in crescita in alcuni paesi e il numero di ragazze sottoposte a mutilazioni/escissioni genitali è in graduale diminuzione.

Secondo l'UNICEF i diritti dei bambini non vengono, a oggi, ancora tutelati nella giusta misura: i bambini continuano a morire per cause prevenibili, come la polmonite, la malaria, il morbillo e la denutrizione.

Il rapporto contiene alcuni saggi speciali scritti da rappresentanti esperti del settore pubblico e privato e fornisce inoltre una serie di buone pratiche che mirano a consolidare i progressi in materia di diritti dei bambini.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Unicef

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti