Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Enciclopedia piante medicinali > Aloe - Cratteristiche

Aloe



Autore: Angela Nanni
Data inserimento: 28-12-2015

L'aloe è una pianta sempre verde, ad arbusto, perenne e rampicante, dotata di fiori di forma allungata con colori che sfumano dall'arancio al rosso scarlatto; appartiene alla famiglia delle aloaceae che conta al suo attivo circa 350 varietà di piante in tutto il mondo. Di solito si distinguono 3 grandi gruppi di aloe: acaules, subacaules e cauleas. Il gruppo acaules comprende piante senza tronco o dotate di fusto molto corto, morbido e spesso; a questo gruppo appartengono l'aloe barbadensis miller, l' aloe saponaria e l'aloe aristata. Il gruppo subacaules comprende piante dallo stelo corto e legnoso a cui appartengono l'aloe succotrinae, l'aloe chinensis. Il gruppo cauleas comprende piante dal tronco esteso e ramificato e gli arbusti possono raggiungere anche alcuni metri di altezza a questa classe appartengono le varietà aloe ferox, aloe arborescens e la aguillaria agallocha.


Caratteristiche  Caratteristiche
Caratteristiche Famiglia: Aloaceae
Nome botanico: aloe barbadensis miller, aloe saponaria, aloe
Nome comune: Aloe, Aloe vera
Nome inglese: Burn Plant, Lily of the desert, elephant's ga
Parte usata: Foglia di aloe, Legno di aloe, Radice di aloe

Caratteristiche:
La pianta d'aloe predilige il clima caldo e secco: si coltiva in Africa, Australia, America Centrale, Messico, Russia, Giappone, Spagna e piccole coltivazioni sono presenti anche in Italia. Dalle foglie d’aloe si ottengono il succo d’aloe e il gel d’aloe: il primo si ottiene a partire dalle cellule pericicliche della foglia, il secondo dalle cellule parenchimatiche più interne.

Scienza:
I dati scientifici a disposizione permettono di affermare che i preparati di aloe, in base alla diversa formulazione si possono utilizzare come lassativo, cicatrizzante, antiinfiammatorio, antibatterico, Immunomodulante, per via topica contro la psoriasi, come antivirale per modulare la glicemia e anche come antitumorale perché stimola la produzione di TNF e citochine da parte dei macrofagi e induce apoptosi


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
www.nccam.nih.gov

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.


Ultime piante inserite: