Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Test e Psiche > I disturbi di personalitÓ

I disturbi di personalitÓ

In Psichiatria il disturbo di personalitÓ riguarda gli individui i cui tratti di personalitÓ sono maladattivi in modo pervasivo, inflessibile e permanente, e causano una condizione di disagio clinicamente significativa.

Il disturbo di personalitÓ viene definito per la prima volta nel DSMIV come un modello abituale di esperienza o comportamento che si discosta notevolmente dalla cultura in cui l'individuo appartiene e si manifesta in almeno due delle seguenti aree: esperienza cognitiva, affettiva, funzionamento interpersonale e controllo degli impulsi.

Secondo la definizione di Ammaniti e dell'Associazione degli Psichiatri Americani: «Insorge nella prima metÓ della vita adulta, Ŕ stabile nel tempo, presenta un carattere inflessibile e pervasivo nelle diverse aree della vita e comporta conseguenze in termini di sofferenza soggettiva e di limitazioni a relazioni e lavoro».

La quarta edizione del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorder (DSM IV) dell'Associazione degli Psichiatri Americani (APA), identifica tre gruppi principali in cui si possono classificare i disturbi di personalitÓ: i cluster A, B e C.


Gruppo A: comprende individui che pi¨ frequentemente appaiono strani o eccentrici
Disturbo paranoide di personalitÓ
Questo disturbo appartiene al gruppo A che comprende individuei che appaiono frequentemente strani o eccentrici. Si caratterizza per diffidenza, pensieri fissi, paura di essere traditi.
Disturbo schizoide di personalitÓ
Si caratterizza per un distacco emotivo del soggetto dagli altri e dalla realtÓ che lo circondano. La sua incidenza Ŕ piuttosto bassa, interessa infatti meno dell'1% della popolazione.
Disturbo schizotipico di personalitÓ
Si caratterizza per una tendenza all'isolamento sociale, uno stile comunicativo vago e metaforico, credenze insolite e stranezze comportamentali.


Gruppo B: vi appartengono individui la cui personalitÓ appare amplificativa, emotiva o imprevedibile
Disturbo antisociale di personalitÓ
Incluso nel gruppo B, che comprende gli individui dalla personalitÓ amplificativa, emotiva o imprevedibile. Si caratterizza per disprezzo delle leggi, assenza di rimorso e impulsivitÓ.
Disturbo borderline di personalitÓ
L'espressione borderline significa linea di confine e proviene dall'antica distinzione dei disturbi mentali in nevrosi e psicosi.
Disturbo istrionico di personalitÓ
Si caratterizza da un quadro pervasivo di emotivitÓ eccessiva e continua ricerca di attenzione, con seduttivitÓ inappropriata e un bisogno eccessivo di approvazione.
Disturbo narcisistico di personalitÓ
Si caratterizza per l'assenza totale di empatia nei confronti degli altri, l'idealizzazione del proprio io, la difficoltÓ di coinvolgimento affettivo e una forma di profondo egoismo.


Gruppo C: comprende individui che appaiono spesso ansiosi o paurosi
Disturbo evitante di personalitÓ
Si caratterizza per comportamento penetrante di inibizione sociale, senso di essere inadeguati ed estrema sensibilitÓ a valutazioni negative nei propri confronti.
Disturbo dipendente di personalitÓ
I soggetti interessati da questo disturbo sono colpiti da una pesante sfiducia nelle proprie capacitÓ, sottomissione, tendenza alla depressione e difficoltÓ nel creare relazioni.
Disturbo ossessivo-compulsivo di personalitÓ
Si caratterizza per una tendenza a seguire abitudini o regole in maniera inflessibile ed eccessiva, una occorrenza di pensieri e comportamenti ripetitivi e costante perfezionismo.


Al cluster C appartiene anche il Disturbo di personalitÓ non altrimenti specificato (NAS), che fa riferimento ad alterazioni del funzionamento della personalitÓ che non soddisfano i criteri dei precedenti disturbi di personalitÓ, ma che nel complesso causano disagio clinicamente significativo o compromissione di una o pi¨ aree del funzionamento dell'individuo.