Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Viaggi e salute > Viaggi e salute: Zimbabwe - Africa

Zimbabwe


Continente: Africa
Capitale: Harare
Clima: temperato, piovoso da ottobre a marzo

Patologie:   L'elenco di patologie che segue è molto ampio, essendo menzionate anche patologie che si osservano solo in focolai localizzati e unicamente in ambiente rurale. Nonostante la rarità vengono riportare perchè possano essere prese in considerazione.

Le malattie trasmesse da artropodi sono effettivamente frequenti. Più di tutte la malaria che si può contrarre nella sua forma maligna da P. falciparum, tutto l'anno in tutto il paese. Trattandosi di P. falciparum molto resistente alla Clorochina e resistente alla sufadossina-pirimetamina, si consiglia profilassi con Meflochina (una compressa al giorno, a partire dalla settimana precedente fino a quattro settimane dopo il ritorno).
La leishmaniosi cutanea si riscontra, a volte, nelle aree più secche. La tripanosomiasi africana (malattia del sonno) è segnalata principalmente in piccoli focolai isolati. Si verificano casi di febbre ricorrente e di tifo da pidocchi, pulci e zecche. La tungosi è diffusa. Molte malattie virali, di cui alcune si presentano sotto forma di febbri emorragiche gravi, sono trasmesse da zanzare, flebotomi, zecche, ecc. che si trovano in tutta la regione.

Le malattie trasmesse tramite gli alimenti e l'acqua sono fortemente endemiche. Tra queste le elmintiasi di origine alimentare, le dissenterie e le malattie diarroiche comprese la giardiasi, le febbri tifoidi e l'epatite A. La dracunculosi si verifica in focolai isolati. L'echinococcosi (idatidosi) è molto diffusa nelle regioni dedite alla pastorizia.

Altre malattie: L'epatite B è estremamente endemica. La poliomielite rappresenta un rischio possibile per chi soggiorna per più tempo nelle aree rurali più povere. Diffusa anche la schistosomiasi (bilharziosi) e il tracoma. Possibili infine alcune febbri emorragiche, anch'esse per lo più limitate alle zone rurali. Epidemie di meningite meningococcica possono verificarsi nelle aree di savana durante la stagione secca. Attenzione infine agli animali rabidi e ai serpenti.
Raccomandazioni: - usare la massima precauzione nell'uso dei servizi igienici, soprattutto quelli pubblici;
- curare il più possibile l'igiene personale, specie prima dei pasti;
- evitare le acque stagnanti e di camminare scalzi su terreni umidi;
- usare scarpe ben traspiranti per evitare la comparsa di macerazione;
- disinfettare sempre anche la ferita più piccola e apparentemente banale;
- prestare attenzione al contatto con qualsiasi animale, anche domestico;
- ripararsi dagli insetti con abbigliamento adeguato, repellenti e zanzariere;
- bere solo bevande confezionate, meglio se gassate, evitando il ghiaccio;
- usare acqua corrente solo previa bollitura o aggiunta di disinfettanti atossici;
- lavare i denti con acqua confezionata in caso di dubbi sui sistemi di approvvigionamento idrico
- evitare i cibi crudi ed i latticini freschi;
- evirare i rapporti occasionali o almeno proteggersi contro le malattie a trasmissione sessuali. Ricordarsi sempre di provvedere ad una piccola farmacia comprendente, accanto ai propri farmaci di uso corrente:
- un disinfettante, una pinzetta per le spine, qualche garza sterile e qualche cerotto:
- un farmaco contro la febbre;
- un farmaco contro il vomito;
- un farmaco contro il bruciore di stomaco;
- un farmaco contro la diarrea;
- un farmaco contro eritemi e punture (pomata);
- un collirio antibiotico;
- un antibiotico a largo spettro;
- un disinfettante delle vie urinarie.  
Vaccinazioni consigliate:malaria, difterite, tetano, poliomielite, epatite B, tifo, epatite A,
Vaccinazioni specifiche:rabbia, colera,
Situazione malaria:Il rischio malaria presente solo da novembre a giugno sotto i 1200 m. per tutto l'anno nella valle dello Zambesi con presenza di clorochino-resistena
Profilassi:
Il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla è richiesto ai viaggiatori d'età superiore ad un anno provenienti da zone infette;
è consigliata la vaccinazione contro epatite A e B, febbre tifoide, tetano;
è consigliata la vaccinazione contro la difterite, poliomielite e rabbia per chi fosse diretto in zone rurali con scarso livello igienico;
il rischio di contrarre la malaria, in particolare nella forma maligna, esiste da novembre a fine giugno nelle zone al di sotto dei 1200 mt. e tutto l'anno nella valle dello Zambesi. In tali zone, essendo stata segnalata la resistenza alla Clorochina, si consiglia profilassi con Meflochina (una compressa al giorno, a partire dalla settimana precedente fino a quattro settimane dopo il ritorno). In Harare e Bulawayo il rischio è trascurabile.
   
Profilassi consigliata dall'OMS:Meflochina