HomeBellezza5 mosse per preparare i capelli al sole

5 mosse per preparare i capelli al sole

Bella in testa

Sanihelp.it – Ormai è chiaro a tutte: l’estate non è la stagione migliore per i capelli. Si trovano infatti ad affrontare sfide difficili. C’è il sudore che ostruisce i pori e dà prurito, lo smog quando si è ancora in città ma soprattutto i raggi UV che raggiungono la testa persino quando si viaggia in auto. Perché sono pericolosi? Perché, al pari di quello che succede con la pelle, innescano meccanismi infiammatori e scatenano la produzione di radicali liberi che danneggiano il bubo, la parte germinativa del capello. Il risultato è una chioma che perde non solo morbidezza ma anche forza e vitalità. Meglio quindi prevenire intensificando le azioni di cura prima del grande sole di luglio e agosto.

Il lavaggio? Dolcissimo  I capelli si possono lavare anche tutti i giorni visto che il sudore rischia di »soffocare» i bulbi. Ma attenzione allo shampoo che dovrebbe essere delicato e usato in minima dose. Ne basta un cucchiaino per una chioma di media lunghezza da diluire con acqua tiepida e massaggiare a lungo sulla testa, non sulle lunghezze.

Ci vuole sempre il balsamo. Idrata, nutre, districa e mantiene integra la barriera protettiva che avvolge la fibra isolandola dagli agenti dannosi. In estate è ideale la scelta di un balsamo senza risciacquo che funziona su tutti i tipi di capello: in crema è ideale per quelli più spessi e ricci, in spray mantiene la leggerezza di quelli fini, lisci e radi.

La maschera spesso. Più la fibra è idratata e nutrita, più è in grado di difendersi dalle aggressioni esterne. Una maschera restitutiva andrebbe quindi usata con frequenza maggiore rispetto ad altri periodi dell’anno, da due a tre volte la settimana. Si mette sulle lunghezze, ciocca per ciocca, aiutandosi con le dita in modo e massaggiandone una dose extra sulle punte. Si lascia in posa almeno cinque minuti e si sciacqua.

L’olio per le punte. Sono la parte meno nutrita del capello, la più fragile e quella che tende a rovinarsi maggiormente per azione del sole. Un olio per capelli viene in aiuto: si applica a gocce sulle punte sia da umide che da asciutte massaggiandole con dolcezza. Per applicarlo sulle lunghezze (mai alla radice perché appesantisce) può essere utile usare un pennello da trucco a ventaglio in modo da distribuire con cura solo un velo di prodotto e nulla più.

Il calore? Adesso è out. Niente acqua calda per il lavaggio; si può usare quella tiepida e volendo per shampoo e risciacqui quella fredda (no per il balsamo che, essendo grasso, non si toglierebbe bene). Attenzione a non usare il phon caldo lasciando asciugare i capelli il più possibile all’aria e no a piastra e ferri che con il loro calore elevato aggiungono danno a danno accentuando l’azione inaridente e sfibrante dei raggi Uv.

Video Salute

Ultime news

Gallery

Lo sapevate che...